Breaking News
  • L'Editoriale di Marchetti - Sorpresa Inter: un 'no', un australiano e l'affare mai concluso
© Getty Images

L'Editoriale di Marchetti - Sorpresa Inter: un 'no', un australiano e l'affare mai concluso

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di mercato

CALCIOMERCATO INTER MARCHETTI - La cessione di Ranocchia all'Hull City riapre il calciomercato Inter in entrata.
Ed ecco che spunta il nome, in queste ore, di Trent Sainsbury difensore australiano, classe 1992.
Non un nome di grande grido, ma comunque un Nazionale, con esperienza europea e con il passaporto comunitario.
Ma la curiosità è che l'Inter lo prende dal Jiangsu, l'altra grande squadra del gruppo Suning.
È nata l'opportunità e si è colta al volo.
Da una parte l'Inter avrebbe dovuto prendere (anche solo a livello numerico) un difensore, dall'altra il Jiangsu aveva la necessità di liberarsi di uno straniero per poter continuare ad operare sul mercato.
E così l'opportunità è diventata affare.
Se fosse successo in ambiti non calcistici potremmo definirlo un cambio di sede o un ricollocamento aziendale.
Ma il calciomercato ormai non conosce confini.
E soprattutto è la risposta (concreta) a chi pensava che il primo giocatore ad arrivare da Suning doveva per forza essere un big acquistato e poi girato in prestito.

A proposito di prestiti: Biabiany era stato chiesto dal Chelsea.
Sì, avete letto bene: Chelsea.
Conte aveva bisogno di attaccanti esterni in grado di coprirgli la fascia, di essere pronti quando ce ne fosse stato bisogno.
Ma Biabiany, incredibilmente, ha deciso di non andare.
Perché non crede di essere centrale in questo progetto di Conte (visto che l'esperienza sarebbe solo per 6 mesi) e perché vuole capire che cosa succede oggi in queste ultime ore di mercato.

Calciomercato Roma, affare Paredes-Juventus: ecco come è andata

Intanto un retroscena su una trattativa nata, creata, impostata ma che poi non si è incastrata.
Vi ricordate la questione Paredes-Juventus? Beh, al di là delle smentite di facciata, la Juve ci ha provato davvero.
Serviva 'soltanto' che Lemina uscisse.
E il Crystal Palace ci ha provato fino in fondo.
Ma poi alla fine non si è fatto più nulla.
Quindi niente soldi per Paredes.
Ma se l'argentino fosse stato ceduto, la Roma avrebbe avuto bisogno di un centrocampista.
E i giallorossi con il Torino avevano trovato un accordo di massima per Baselli.
Poteva essere la rivoluzione dei centrocampisti.
Ma alla fine non è successo nulla.
Il mercato è anche questo...

Scrivi un Commento

Invia Commento

Comments (0)