• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, De Paola attacca: "Mancini è un ipocrita. Scoperto il suo 'scheletro'"

Inter, De Paola attacca: "Mancini è un ipocrita. Scoperto il suo 'scheletro'"

Il direttore di 'TuttoSport' torna sulla vicenda della lite con Sarri


Roberto Mancini ©Getty Images
Jonathan Terreni

21/01/2016 12:44

INTER DE PAOLA MANCINI SARRI / TORINO - Paolo De Paola, direttore di 'Tuttosport', è intervenuto a 'Radio Crc' nel corso della trasmissione 'Si Gonfia la Rete': "Mi scuso per il titolo di 'TuttoSport', ho creduto alla sua buona fede, ma invece Mancini è un ipocrita. Ho preso visione di una realtà che era diversa rispetto a quella che avevo prospettato e scritto con quel titolo 'Siamo tutti Mancini'. La denuncia del tecnico sembrava coraggiosa, Mancini sembrava un paladino e invece era solo una falsa perché fu lo stesso Mancini a proferire la stessa accusa ad un giornalista quando era a Firenze. Ripeto, mi dispiace di aver fatto quel titolo perché Mancini è un ipocrita. Mi sembrava che quello di Mancini fosse un rincrescimento vero. Nascondersi dietro quella frase 'sono cose da campo' può fungere da alibi per giustificare tutto, anche le combine, per cui credo che ci sia un muro da abbattere. Non può esserci un moralismo facile, lo scheletro di Mancini lo abbiamo scoperto perché il caso è identico e la parola giusta è ipocrisia".

De Paola poi continua: "Mancini ha portato avanti una bandiera che evidentemente non è la sua. Preferirei che anche la famiglia si chiudesse nel silenzio perché tutto questo gli può tornare indietro come un boomerang. E' una vicenda da chiudere al più presto. Sarri ha sbagliato ma si è scusato più volte ed ha mille giustificazioni anche se quel modo di pensare non deve esistere né in campo, né fuori dal campo. C'è da indignarsi e mi spiace che siamo di fronte ad un'altra pagina sgradevole".




Commenta con Facebook