• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-SAMPDORIA

Poker del Milan, Niang e Bonaventura super. Nella Samp tutti in confusione


Milan ©Getty Images
Davide Sperati (@DavideSperati1)

28/11/2015 22:54

ECCO LE PAGELLE DI MILAN-SAMPDORIA

MILAN

Donnarumma 5,5 – Subito un errore dopo appena trenta secondi di gioco, rimedia alla meno peggio sulla conclusione di Soriano. 

Abate 6,5 - Molto abile a tenere le giuste distanze col il difensore centrale, gioca molto alto favorendo il pressing dei compagni sui centrocampisti avversari. 

Alex 6,5 – Pratico quanto basta, riesce senza problemi a tenere lontani dalla propria area gli attaccanti della Samp. 

Romagnoli 6,5 – Mai impegnato, si fa notare per la respinta col piede sul tiro di Muriel  verso la fine della prima frazione.

Antonelli 7 - Bene l'intesa con Bonaventura. Supporta le azioni del compagno ed è subito pronto a recuperare metri quando ce ne è bisogno. Nella ripresa, serve a Luiz Adriano la palla del possibile quattro a zero, ma l'attaccante sciupa. 

Cerci 7 – Come al solito è molto generoso e l'intervento da difensore puro su Mesbah al 15', ne è la prova. Sulla destra punta spesso l'algerino mettendolo alle corde. Cross in quantità industriali e assist per Luiz Adriano. Lo avevamo detto già la scorsa settimana, Cerci sta tornando ai livelli di quando giocava nel Torino. Dal 79' Honda s.v. 

Kucka 7 – Grande prova di sostanza sul fronte mediano. Supporta l'azione dei compagni chiudendo ogni varco per le giocate di Soriano. Ammonito viene sostituito per precauzione. Dal 52' Poli 6 – Gioca sul velluto una partita senza storia.   

Montolivo 7 - Si occupa di Ivan e Soriano. Ruba molti palloni importanti per rilanciare il gioco rossonero. Lavoro silenzioso ma ricco di contenuti tattici.  

Bonaventura 7,5 – Jack colpisce ancora una volta. Al 15' realizza un gol di furbizia e rapidità. Al 30' sfiora anche l'eurogol ma la sfera vola sopra la traversa. Nella ripresa, su punizione, è di nuovo pericoloso ma la palla esce di un soffio. Orchestra con classe le giocate rossonere. Demolisce De Silvestri. 

Bacca 6,5 – Pericoloso sin dai primi minuti, fa tanto movimento per gli inserimenti di Cerci e Bonaventura. Nella notte del gol rossonero, è l'unico a cui manca la gioia personale. Comunque positivo, Bacca è un attaccante di spessore.

Niang 8 – Il migliore. Super Niang. Preferito ancora una volta a Luiz Adriano, propizia la prima rete del Milan e dopo due minuti sfiora quella personale. Il cambio di modulo valorizza le potenzialità di questo giocatore, più abile a giocare al centro che sulle corsie esterne. Realizza la seconda rete con un grande penalty e fissa il risultato sul tre a zero dopo cinque minuti della ripresa. Dal 73' Luiz Adriano 6,5 – Venti minuti giusto per farsi una sgambata, mangiarsi prima un gol davanti alla porta e poi realizzare il definitivo quattro a zero.

All. Mihajlovic 7,5 – La squadra parte subito forte e col ritmo giusto. Dopo un primo tempo praticamente perfetto; il gol di Niang - dopo cinque minuti della ripresa - chiude definitivamente i conti. Pressing alto, cambio di modulo (Cerci e Bonaventura larghi) e l'avversario meno forte rispetto alla Juventus, fanno della gara di stasera, il miglior Milan visto dall'inizio della stagione.   

 

SAMPDORIA

Viviano 4,5 – Esente da colpe sulle prime due reti del Milan. Ha la grave responsabilità sulla terza rete, quella che di fatto chiude il match. Anche sulla rete di Luiz Adriano, non appare molto convinto.

De Silvestri 4 – Il peggiore. Di nuovo titolare, è sin da subito in difficoltà contro le giocate di Bonaventura che lo anticipa sul primo gol rossonero. Ancora colpevole perché causa il fallo da rigore, poi realizzato da Niang. Dal 63' Pereira 6 – Trenta minuti di gioco per questo difensore portoghese classe '98. Minutaggio che non fa male per accumulare esperienza.

Silvestre 4,5 – Alla meno peggio, cerca di limitare le folate offensive di Bacca & Co. In balia delle giocate avversarie, non riesce a difendere con ordine la retroguardia doriana.

Regini 5 - Al posto dell'indisponibile Moisander, non riesce a fermare Niang in serata di grazia. Anche nella ripresa subisce a più riprese le iniziative offensive della formazione rossonera.

Mesbah 4,5 - Con la squalifica di Zukanovic, l'algerino trova spazio sull'out sinistro, ma soffre non poco le giocate di Cerci che lo fanno impazzire.  

Ivan 5,5 – Il centrocampista viene preferito a Carbonero e al 12' lancia benissimo Mesbah che perde l'attimo giusto per il gol. A parte questo, soffre moltissimo il pressing degli avversari che limitano le sue ripartenze. Dal 74' Palombo 5,5 – Entra quando ormai i giochi son fatti. Il suo contributo non è rilevante.

Fernando 5 - Il play maker dei doriani soffre tantissimo il ritmo imposto dagli avversari. Poco nel vivo della manovra, appare lento e prevedibile.   

Barreto 5 - L'ex giocatore del Palermo agisce sulla sinistra toccando pochi palloni e, quei pochi che sfiora, non danno profondità alla manovra della compagine ligure. In sofferenza dal punto di vista fisico, non combina nulla di buono.

Soriano 5 – Poteva forse sfruttare meglio l'opportunità avuta dopo appena trenta secondi di gioco. Eccezion fatta per il rigore di Eder, l'unica avuta dalla Samp in tutti i novanta minuti di gioco.

Muriel 5 – Se bloccano i rifornimenti dei centrocampisti, è difficile rendersi pericolosi. Gara anonima sotto tutti i punti di vista. Dal 62' Bonazzoli 5 – Male quanto il compagno, se non peggio.  

Eder 6 – Nel primo tempo non riesce mai a rendersi pericoloso. Nella seconda frazione ha il merito di realizzare il gol della bandiera. Decimo gol in questo campionato.

All. Montella 4,5 – Un primo tempo da film Horror. Il pressing alto del collega Sinisa tolgono gioco e idee al centrocampo blucerchiato. C'era forse bisogno di iniziare con una linea mediana più folta, sacrificando un attaccante o, in alternativa, correggere l'assetto tattico durante l'intervallo. Niente di tutto ciò. È stata una brutta serata anche per lui.

Arbitro: Doveri 6,5 – Al 8' annulla per fuorigioco la rete a Cerci sulla respinta di Viviano. Nulla da dire sul rigore concesso al Milan per un fallo su Bonaventura, se non il fatto che De Silvestri andava espulso perché ultimo uomo. Nella ripresa giusto assegnare il rigore alla Samp perché Poli commette fallo su Eder che anche con un pizzico d'esperienza se lo procura.


TABELLINO
MILAN-SAMPDORIA 4-1

Milan (4-4-2): Donnarumma; Abate, Alex, Romagnoli, Antonelli; Cerci (dal 79' Honda), Kucka (dal 52' Poli), Montolivo, Bonaventura; Bacca, Niang (dal 73' Luiz Adriano). A disp: Abbiati, Livieri, De Sciglio, Mexes, Zapata, Calabria, J. Mauri, Nocerino, Suso. All. Sinisa Mihajlovic

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; De Silvestri (dal 63' Pereira), Silvestre, Regini, Mesbah; Ivan (dal 74' Palombo), Fernando, Barreto; Soriano; Muriel (dal 62' Bonazzoli), Eder. A disp: Brignoli, Puggioni, Cassani, Carbonero, Rocca, Christodoulopoulos, Cassano, Rodriguez. All. Vincenzo Montella

Arbitro: Daniele Doveri della sezione di Roma 1

Marcatori: 15' Bonaventura (M), 37' - 49' Niang (M), 79' Luiz Adriano (M), 87' Eder (S)

Ammoniti: 37' De Silvestri (S), 38' Kucka (M), 45' Soriano (S)

Espulsi:




Commenta con Facebook