• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Trapattoni difende Mancini: "Ha solo perso una partita, può arrivare fino in fondo"

Inter, Trapattoni difende Mancini: "Ha solo perso una partita, può arrivare fino in fondo"

L'ex ct della Nazionale: "Anche il Milan può ambire alle prime posizioni, Balotelli è una risorsa"


Giovanni Trapattoni © Getty Images
Marco Di Federico

29/09/2015 08:28

SERIE A INTER TRAPATTONI MANCINI / MILANO - La prima sconfitta in campionato prima o poi doveva arrivare, ma il 4-1 subito dalla Fiorentina è stato un fulmine a ciel sereno per l'Inter. Perché in soli 90 minuti pare, si siano disintegrate tutte le certezze che Roberto Mancini aveva costruito nelle prime cinque giornate di campionato.

Alla presentazione del libro scritto con Bruno Longhi, intitolato 'Non dire gatto', Giovanni Trapattoni ha rilasciato un'intervista alla 'Gazzetta dello Sport nella quale ha parlato proprio delle ultime news Inter dopo il ko con i viola, mostrando grande fiducia nella squadra nerazzurra nonostante il tracollo di domenica sera.

INTER - "Nessun allarme, quelli andavano a tremila all'ora, erano velocissimi. Ho sentito le critiche a Mancini sul modulo, sulla difesa a tre. Lui ha cercato di adeguarsi.- le sue parole -  Ha perso una partita, anche io con l'Inter persi a Firenze. Mancio non si deve preoccupare, ce la può fare. Anzi, io penso proprio che possa andare fino in fondo, altro che crisi. La squadra è molto concreta, è attenta. Qualche giorno fa ho usato il termine 'trapattoniana', ma sono epoche diverse. Le mie squadre non c'entrano nulla con quelle di oggi in cui è più difficile giocare. Mancini ha fatto la storia in un paese straniero e io che ho allenato tanto all'estero so cosa vuol dire. Poi ha fatto in fretta a capire quali sono i problemi dell'Inter e a trasmettere ai giocatori quello che serve".

MILAN - "Arriverà. Lo dico anche per la Juventus che ha cambiato tanto sul calciomercato. É presto. Io penso che il Milan possa ambire alle prime posizioni: è diversa dall'Inter, punta più sul palleggio e cerca un gioco più spettacolare. De Jong è un guerriero, Romagnoli mi sembra uno che ha voglia e non molla mai. E poi c'è Balotelli, una risorsa. Con lui toccherà anche a Conte decidere cosa fare".

FIORENTINA - "Gioca bene. Paulo Sousa è bravo. La mia Viola era fondata più su riferimenti come Batistuta o Rui Costa, questa corre e va forte".

SORPRESE - "Il Sassuolo più di tutti. E il Torino. Ma lì c'è un maestro, il mio amico Ventura".




Commenta con Facebook