• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-CAGLIARI

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-CAGLIARI

Menez e Mexes segnano la partita, nel bene e nel male. Positivo de Jong. Joao Pedro scuote gli ospiti, ma non basta


Esultanza polemica per Menez (Getty Images)
Stefano Carnevali

21/03/2015 22:45

ECCO LE PAGELLE DI MILAN-CAGLIARI:

 

MILAN

Diego Lopez 6 - Il Cagliari, nel primo tempo, arriva spesso dalle sue parti, ma lo impegna molto poco. Nulla può sul gol di Farias. Tanti brividi nella ripresa, ma nessuna vera parata. 

Abate 5,5 – Avvio di partita non positivo. Soffre Avelar e M'Poku. Quando arriva al cross è davvero poco preciso. Pasticcione anche nella ripresa. Con Honda perde la palla ed innesca il contropiede-gol del Cagliari.

Paletta 6,5 – Male palla al piede, ma fondamentale difensivamente, visto che lavora anche per Mexes. Fuori posizione anche lui sul gol di Farias, però le situazioni più spinose è lui a sbrogliarle. Anche nel secondo tempo.

Mexes 6 – Superficiale, approssimativo. Nei primi 10', sbaglia tutti i palloni che gioca (non solo è impreciso: sono proprio le scelte a essere sconsiderate, visto che in più occasioni mette nei guai i compagni) e praticamente tutti i posizionamenti (siamo alle solite). Grande salvataggio, però, al 21', quando anticipa Farias in agguato sul secondo palo. Imbarazzante in avvio di ripresa, quando viene umiliato da Farias in uno contro uno. Passano tre minuti e riporta in vantaggio il Milan con un grande diagonale sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Anche al 65', completamente fuori posizione (è sulla fascia sinistra!), si fa saltare da M'Poku con una facilità disarmante. Purtroppo per il Milan, occorre ribadire ancora una volta che un difensore, innanzitutto, deve difendere. 

Antonelli 5,5 – Cerca di spingere, ma non è travolgente come ai tempi di Genova. Certo: la squadra lo supporta poco e male. E' comunque il rossonero fisicamente più brillante. Segno che a Milanello, quanto a preparazione, qualcosa è andato storto. Cala notevolmente nella ripresa, quando spinge poco e sbava parecchio in difesa. 

Poli 6,5 – Uno dei pochi milanisti dinamici e generosi. Accompagna sempre l'azione ed è il primo difensore del Milan. Innesca anche l'azione del vantaggio rossonero. Più cauto nel secondo tempo.

de Jong 7 – Predica nel deserto. Pare uno dei pochi rossoneri ad avere una briciola di senso tattico. Suo malgrado, in fase di impostazione, si trova spesso il pallone tra i piedi e patisce l'assenza di movimento dei giocatori offensivi. Bene anche in regia nel secondo tempo. Per lui gli unici applausi di 'S. Siro'. Dall'88' Essien s.v..

Van Ginkel 6 – Molto lento e molto goffo. Dovrebbe dare un po' di qualità in mediana, ma finisce troppo spesso per perdere il pallone con eccessiva facilità. Un secondo tempo prezioso dal punto di vista tattico, in cui riesce maggiormente a farsi apprezzare.

Honda 4,5 – Comincia malissimo: testa bassa, sotto ritmo, poca forza ed errori di misura a profusione. Non è che con il passare dei minuti migliori poi molto. La Coppa d'Asia lo ha prosciugato. Perde palla in avvio di ripresa (in collaborazione negativa con Abate) e favorisce il contropiede-gol degl Cagliari. Spreca ogni occasione di ripartenza nelle praterie offerte dai rossoblu a causa di una lentezza mostruosa. Male anche sui calci da fermo: non ha forza. Cerci può essere davvero peggio di così? Dal 70' Cerci 6,5 - Cerci non è peggio dell'ultimo Honda. E' vero, ha più spazi rispetto al nipponico, ma ha anche un passo molto diverso e superiore. Bello anche l'assist finale sprecato da Pazzini. Si mangia un gol incredibile in pieno recupero.

Destro 5 – Come è diversa la sua vita calcistica rispetto ai tempi di Roma: gioca molto di più, ma in una squadra assolutamente non in grado di supportarlo e di esaltarne le qualità. Si sarà pentito della scelta effettuata a gennaio. Un po' più attivo nella ripresa, ma non tira mai in porta. E ci mette del suo, perché di errori ne commette non pochi. Dal 74' Pazzini 5,5 - Poche occasione per farsi vedere e un errore incredibile sulla linea di porta. 

Menez 7,5 – Sbaglia tutto quello che è 'di squadra': si muove pochissimo, effettua passaggi fuori giri. Purtroppo per lui, a calcio, non si gioca da soli. Irritante quando perde palla e si rifiuta di inseguire l'avversario. Poi al 22' porta in vantaggio il Milan con una magia e si produce in un'opinabile esultanza polemica. Nella ripresa è un po' più ordinato e, soprattutto, gestisce meglio il pallone, lanciando anche i compagni. Infallibile dal dischetto. E' davvero follia calcistica. 

All: Inzaghi 6 – Per 10' il Milan è in bambola: il Cagliari domina a 'S. Siro'. Poi le cose si equilibrano un po'. Dopo il gol di Menez la squadra si tranquillizza un po' e gioca leggermente meglio. L'uscita dal tunnel è comunque lontanissima. L'unica vera buona notizia della serata sono i tre punti. 

 

CAGLIARI

Brkic 6,5 - Non molto reattivo sul gol di Menez, è fondamentale con un paio di uscite che tengono il Cagliari in partita. Un po' sorpreso anche sul raddoppio rossonero. Miracoli in serie nel finale. 

A. Gonzalez 5 – Non è sicurissimo. Posizionamento rivedibile in più situazioni. Con il passare dei minuti diventa evidentemente l'anello debole della difesa del Cagliari. Dal 46' Joao Pedro 6,5 - Fatica a trovare la poszione, ma riesce a dare buona qualità ad ogni giocata. A 15' dalla fine ha la palla del pari, ma scheggia l'incrocio dei pali. Con il passare dei minuti risulta il migliore dei suoi. 

Diakité 6 – Buon primo tempo. Attento e veloce, chiude su tutte le ripartenze rossonere con buona tempestività. Ripresa meno brillante, ma comunque solida.

Ceppitelli 5 – Fa il suo, anche se non è sempre pulito e preciso. Di testa è proprio bravo. Brutto intervento su Cerci: insensato e in ritardo. Era comunque fuori area. 

Avelar 6 – Discreto avvio: spinge con costanza e duella alla pari con Abate. Meno efficace, e di molto, nella rirpesa. 

Ekdal 6 – Primo tempo davvero deludente: non si vede mai, nemmeno nel buon avvio dei sardi. Da uno come lui, il Cagliari deve avere di più. Se no è dura. Cresce nel secondo tempo anche se soprattutto dal punto di vista dei recuperi.

Crisetig 5,5 – Ottimo inizio di gara: è il fulcro del gioco cagliaritano e orchestra più di un'azione pericolosa. Con il passare dei minuti cala un po' e il Cagliari soffre. Male nel secondo tempo, quando viene sovrastato da de Jong.

Donsah 6 – Ha personalità e tanta corsa. Prezioso in ripiegamento, piace meno quando c'è da attaccare. Secondo tempo da terzino destro: meglio di Gonzalez, soprattutto per atletismo.

M'Poku 5 – L'impatto straordinario delle sue prime uscite italiane è un pallido ricordo. Gioca da solo e senza vera efficacia. Anarchico e scostante, emula in negativo – e con minore classe – l'atteggiamento di Menez. Dal 66' Cossu 5,5 - Non tocca molti palloni ma a 10' dalla fine ha l'occasione del pareggio e spreca. 

Sau 6,5 – Conferma di vivere una stagione sfortunata. Non è che giochi male, ma pecca sempre quando arriva 'al dunque'. Clamoroso il gol mangiato al 5', dopo essersi ottimamente liberato di Paletta. Costruisce con pochi tocchi il gol del pareggio di Farias. Secondo tempo ispirato, ma sempre lontano dalla porta. 

Farias 6,5 – Il pupillo di Zeman, nel primo tempo, 'gigioneggia' eccessivamente: finte, contro finte e tante occasioni perse. Troppo inattivo in fase di ripiegamento. In avvio di ripresa pareggia con un grande gol in contropiede e sfruttando finalmente il suo talento nell'uno contro uno. Poi si eclissa. 

All. Zeman 5 – Dopo i primi, positivi, minuti, il Cagliari perde il pallino di gioco e mostra tutte le proprie lacune, lasciando troppi spazi al Milan e non riuscendo più a controbattere con efficacia. Dopo l'intervallo lascia negli spogliatoi il negativo Gonzalez, mette Donsah terzino e inserisce in mezzo al campo Joao Pedro. Squadra più sensata dopo i cambi, ma non basta. Crollo inquietante nel finale. 

 

Arbitro: Tagliavento 5 - Primo tempo facile facile e ben gestito. Contatto tra Menez e Diakité a ridosso del 60': giusto lasciare correre. Rovina tutto con il rigore concesso al Milan: il brutto fallo di Ceppitelli su Cerci avviene fuori area. 

 

TABELLINO

MILAN-CAGLIARI 3-1

MILAN (4-3-3): D. Lopez; Abate, Paletta, Mexes, Antonelli; Poli, de Jong (88' Essien), van Ginkel; Honda (70' Cerci), Destro (74' Pazzini), Menez. All: Inzaghi

CAGLIARI (4-3-3): Brkic; A. Gonzalez (46' Joao Pedro), Diakité, Ceppitelli, Avelar; Ekdal, Crisetig, Donsah; M'Poku (66' Cossu), Sau, Farias. All: Zeman

Aribitro: Tagliavento

Marcatori: 21' Menez (M); 47' Farias (C); 49' Mexes, 79' rig. Menez (M)

Ammoniti: 31' Cristeig 45'+2' A. Gonzalez, 50' Farias, 77' Ceppitelli (C); 73' de Jong (M)

Espulsi:

Note: 




Commenta con Facebook