• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI CAGLIARI-INTER

Kovacic e Icardi schiantano il Cagliari. Male Podolski, Longo prova a riaprire il match


Mateo Kovacic (Getty Images)
Andrea Della Sala

23/02/2015 22:57

ECCO LE PAGELLE DI CAGLIARI-INTER

 

CAGLIARI

Brkic 6,5 – Tiene in pista il Cagliari, se la squadra di Zola è in partita fino alla fine è anche merito suo. Sui gol non può fare nulla.

Dessena 5,5 – Si adatta a terzino, ma i risultati non sono di certo i migliori. Fa quello che può, ma è spesso in sofferenza quando l’Inter spinge dalla sua parte. Santon gli crea qualche problema di troppo.

Rossettini 5 – Impacciato e mai sul pezzo. Qualche responsabilità su entrambi i gol, su quello di Kovacic è lui a chiudere l’uno-due col croato, su quello di Icardi sventola bandiera bianca e si fa saltare secco dall’argentino.

Capuano 5,5 – Anche lui in difficoltà a contenere Icardi e il reparto offensivo nerazzurro. Male in fase di disimpegno non bene in marcatura. Da rivedere.

Avelar  6 – Sicuramente il meno peggio della linea difensiva. L’Inter spinge di più sull’altra fascia e lui si limita a presidiare la sua zona. Davanti lo si vede poco.

Donsah 5 – Lo si vede per la prima volta nel secondo tempo con una conclusione dal limite che impegna Carrizo e la sua partita si chiude qua. Troppo poco.

Conti 5,5 – Si sacrifica e cerca di tenere in piedi il centrocampo del Cagliari, ma fatica anche lui nel contenre Kovacic e gli inserimenti dei centrocampisti nerazzurri. Gioca a ritmi un po’ troppo blandi.

Crisetig 5,5 – Alti e bassi, meno dinamico e propositivo del solito. Fa il lavoro sporco, ma in fase di impostazione manca e parecchio. Dal 71’ Ceppitelli 6 – Entra nei minuti finali.

M'Poku 7 – Sicuramente il migliore del Cagliari, palla tra i piedi diventa a tratti imprendibile. Svaria da destra a sinistra, creando sempre qualcosa di buono per i sardi. Il più pericoloso, si sbatte fino alla fine.

Cossu 6 – E’ lui a provare ad accendere l’idea nel Cagliari. Non sempre continuo, ma il pallone passa sempre dai suoi piedi. Dal 67’ Joao Pedro 5,5 – Entra ma non riesce a incidere.

Cop 5 – Partita inconsistente. E’ l’Inter a fare la partita e i centrali nerazzurri gli concedono poco. Non ha molte occasioni per mettersi in mostra, poche palle giocabili e poco movimento per aiutare i compagni. Dal 56’ Longo 7 – E’ lui a riaprire il match, avrebbe dovuto giocare dall’inizio. Segna alla sua ex squadra, entra con grande determinazione.

All.Zola 5,5 – La squadra vive di folate. Male il primo tempo dove subisce tanto ed è graziata da Podolski, meglio nella ripresa quando mette in difficoltà la squadra di Mancini. Dietro qualche svarione di troppo, davanti la squadra sembra poter far male.

 

INTER

Carrizo 6,5 – Reattivo come aveva già dimostrato a Glasgow. Si fa trovare sempre pronto, soprattutto nella seconda frazione quando il Cagliari cerca il pareggio. Stoppa Cossu, M’Poku e Longo chiudendogli lo specchio della porta.

Campagnaro 5,5 - Adattato a terzino continua a non convincere. Frettoloso e a volte troppo frenetico. 

Vidic  6 – Mette in campo l’esperienza e tutto sommato non fa male. Contiene bene l’attacco sardo, giocando d’anticipo sui velocisti rossoblù. Rischia di rovinare tutto con un disimpegno sciagurato che rischia di costare caro.

Juan Jesus 5,5 – Stilisticamente e in fase di disimpegno non è certo un belvedere, ma nel secondo tempo sono due suoi interventi a bloccare due pericolose azioni del Cagliari. A volte insicuro, a volte tempestivo, serve maggiore continuità. Rischia e tanto nel finale di partita con alcune disattenzioni davvero inspiegabili.

Santon 6,5 – Fatica un po’ solo quando M’Poku si allarga dalla sua parte e lo punta, ma nel complesso anche in fase difensiva la sua partita è sufficiente. Butta in area un paio di palloni interessanti, Mancini lo vuole alto e lui non si fa pregare garantendo sempre il suo apporto in fase offensiva.

Guarin 6,5 – Non fa mai mancare le sue accelerazioni. Da interno di centrocampo mostra un’insolita disciplina che per lui è davvero una cosa strana. Bella discesa e gran cross per Brozovic nel primo tempo, si calma nel secondo quando l’Inter prima subisce e poi chiude i conti con Icardi.

Medel 6 – Meno bene in fase di interdizione, dove oggi ha qualche amnesia. Rischia di combinarla grossa con un disimpegno al limite dell’area, si rimette in riga con la verticalizzazione da cui nasce il raddoppio dell’Inter con Icardi.

Brozovic 6,5 – Parte maluccio, un po’ troppo nervoso e frenetico, ma poi cresce alla distanza e fa valere la sua grande qualità. Sa sempre cosa fare, mostra grande lucidità per tutta la partita, nello stretto fa vedere tutta la sua tecnica. Dimostra ancora di essere un elemento fondamentale in questa Inter. Dall’83’ Hernanes 6 – Rischia la rete allo scadere, ma la traversa gli nega il gol.

Kovacic 7 – Nel momento di difficoltà personale, in cui iniziano a uscire le prime critiche tira fuori dal cilindro una prestazione confortante. Niente di trascendentale, ma sblocca il match creandosi l’azione e chiudendola di sinistro alle spalle di Brkic. Gli serviva una prestazione così per ritrovare coraggio. Dal 92’ Kuzmanovic sv.

Podolski 5 – Ancora lontano dalla miglior condizione. Nel primo tempo si divora almeno tre chiare occasioni da rete. Non si capisce perché esiti tanto a calciare. Gli manca la lucidità, fa troppa fatica, ha ancora bisogno di tempo.  Dall’81’ Dodò sv.

Icardi 7 – Raddoppia quando l’Inter è nel momento peggiore. Sfrutta al meglio il filtrante di Medel, mandando a vuoto Rossettini e trafiggendo senza pietà Brkic. Prima del gol dimostra di poter fare bene anche fuori dall’area: serve una palla d’oro a Podolski ed è utile anche nel giropalla nerazzurro.

All. Mancini 6,5 – Trova la terza vittoria consecutiva in campionato. Ancora qualche imprecisione ed errore di troppo in fase difensiva, ma davanti continua a dimostrare la pericolosità messa in mostra nelle ultime uscite. Ha ancora tanto da lavorare.

Arbitro: Mazzoleni 6 – Gara tranquilla e senza episodi dubbi. La gestisce al meglio sventolando il cartellino giallo quando necessario.

 

TABELLINO

CAGLIARI-INTER 1-2

CAGLIARI (4-3-2-1): Brkic; Dessena, Rossettini, Capuano, Avelar; Donsah, Conti, Crisetig (dal 71’ Ceppitelli); M'Poku, Cossu (dal 67’ Joao Pedro); Cop (dal 56’ Longo).
A disp.: Colombi, Cragno, Gonzalez, Murru, Pisano, Farias, Barella, Husbauer, Diakhitè. All.: Zola.

INTER (4-3-1-2): Carrizo; Campagnaro, Vidic, Juan Jesus, Santon; Guarin, Medel, Brozovic (dall’83’ Hernanes); Kovacic (dal 92’ Kuzmanovic); Podolski (dall’81’ Dodò); Icardi.
A disp.: Berni, Andreolli, Obi, Ranocchia, Puscas, D'Ambrosio, Shaqiri, Dimarco. All.: Mancini. 

Marcatori: 47’ Kovacic (I), 69’ Icardi (I), 74’ aut Carrizo (C)

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo

Ammoniti: 13’ Brozovic (I), 39’ Cop (C), 89’ Campagnaro (I), 91’ Avelar (C)

Espulsi




Commenta con Facebook