• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > PAGELLE E TABELLINO DI PSG-CHELSEA

PAGELLE E TABELLINO DI PSG-CHELSEA

Cavani super, Marquinhos incerto. Courtois da campione; Diego Costa non c’è


Thibaut Courtois © Getty Images
Raniero Mercuri

17/02/2015 22:39

ECCO LE PAGELLE DI PSG-CHELSEA:

                                      

PSG

Sirigu 6 – Incolpevole sul gol di Ivanovic. Per il resto, è chiamato poco in causa.

van der Wiel 6 – Inizia bene, affondando più di qualche volta sull’out di destra e creando qualche grattacapo ad Azpilicueta. Al 35’ però, è dalla sua parte che Terry fa partire il cross che apre al vantaggio ospite.

Marquinhos 5,5 – Il peggiore. Non gioca malissimo, chiariamolo subito. Però appare disattento, quasi impaurito di fronte a D.Costa e ai temibili trequartisti avversari. Sia lui che il compagno di reparto T.Silva hanno più di qualche responsabilità sul gol di Ivanovic, che porta momentaneamente gli ospiti in vantaggio.

T.Silva 5,5 – Vedi sopra. Per il resto, dirige con la solita autorità il reparto arretrato.

Maxwell 6 – Fa la sua parte. Copre e riparte con continuità, senza grandi sbavature. E senza grandi acuti, però.

Verratti 6,5 – Gioca centrocampista centrale all’inizio, ma poi scambia spesso posizione con D.Luiz. E’ tra i più attivi in campo. Sempre idee chiare e precise. Per quanto riguarda i piedi poi, non lo scopriamo certo noi.

D.Luiz 6 – Buona la sua prova. Blanc decide di sfruttare la sua ottima tecnica avanzandolo a centrocampo. L’idea non è male, ma non cambia la gara.

Matuidi 7 – E’ il primo a farsi pericoloso: minuto dieci, cross di Cavani, testa del francese e miracolo di Courtois. Passa un minuto ed è lui a mettere sulla testa di Ibra la palla del possibile uno a zero, trovando però ancora Courtois a sbarrare la porta. E’ suo l’assist per l’uno a uno di Cavani.

Lavezzi 5,5 – Poco lucido. Poco incisivo. Si muove tantissimo su tutto il fronte d’attacco, come suo solito. Ma quando c’è da far male, non timbra il cartellino. Dall’80’ Pastore 6 – Tecnica al servizio dei compagni.

Ibrahimovic 6,5 – Parte bene. Già all’11’ di testa va vicino al vantaggio. Poi lotta, combatte come un leone su ogni palla. Fa salire la squadra. Poi, pian piano cala. Ha un sussulto al 57’, quando ne salta due tre e spara sul portiere in uscita.

Cavani 7 – Il migliore. Sembra da subito il più pericoloso tra i parigini. Al 10’ pennella sulla testa di Matuidi un assist prelibato, che il francese sfrutta come può, trovando Courtois a dirgli di no. Poi, non contento, al 33’ spizza forte e preciso di testa verso la porta, trovando ancora un super Courtois. Poi, al 54’, sempre di testa firma l’uno a uno.

All. Blanc 6 – Nel primo tempo ci aspettavamo un po’ di più dal Psg. In termini di ritmo e incisività. Nel secondo la musica cambia: la squadra gioca e crea, meritando forse qualcosa in più del pareggio.

 

CHELSEA

Courtois 7 – Il migliore. Minuto numero dieci, testa di Matuidi da due passi: lui vola da campione sulla destra e respinge. Un minuto dopo, ottimo riflesso su colpo di testa ravvicinato di Ibra. Infine, al 33’, compie un miracolo su un’altra incornata pericolosa, quella di Cavani. Poi, al 54’, non ha colpe sull’uno a uno firmato dall’uruguagio del Psg.

Ivanovic 7 – E’ sempre decisivo nelle gare che contano. Al 35’, dopo uno splendido colpo di tacco di Cahill, sigla di testa il gol del momentaneo vantaggio ospite.

Cahill 6 – L’assist di tacco che tira fuori dal cilindro al 35’, offrendo ad Ivanovic la palla dello zero a uno, varrebbe già da solo il prezzo del biglietto. Poi però, al 54’ si fa sfuggire Cavani, che insacca l’uno a uno. E allora metà del biglietto la paga lui.

Terry 6 – Qualche colpa sul pareggio di Cavani ce l’ha anche lui. Ha il merito però di far partire il cross che porta al momentaneo vantaggio del Chelsea.

Azpilicueta 5,5 – Un po’ in affanno. Fatica a contenere le spinte degli esterni di casa e spinge poco o nulla sulla fascia.

Matic 6 – Combatte come sempre in mezzo al campo, rubando un buon numero di palloni.

Ramires 5,5 – Evanescente. Combina poco. Potremmo dire “fa legna a centrocampo”. Ma non diciamo neanche quello.

Willian 5,5 – Fa molto movimento ma combina davvero poco lì davanti. Dal 78’ Cuadrado s.v.

Fabregas 5 – Anche lui in ombra, non copre ma soprattutto si fa vedere davvero raramente in fase offensiva. Dall’82’ Oscar s.v.

Hazard 5 – Da uno come lui ci aspettiamo che risolva quasi da solo la gara. Non lo fa. Ma non fa neanche il minimo indispensabile stavolta.

D.Costa 5 – Il peggiore. Gioca malino. Per non dire di peggio. Si, fa a sportellate con i giganti del Chelsea, ma non conclude praticamente mai verso la porta avversaria. Ci saremmo aspettati molto di più, sia per le grandi qualità che mette in mostra in ogni turno di Premier, sia per l’importanza della posta in palio. Arrivederci al ritorno. Dall’80’ Remy s.v.

All. Mourinho 6 – Il Chelsea gioca un primo tempo discreto, nulla di più. Nel secondo invece sparisce. Manca un dettaglio però, ha segnato in trasferta e non ha perso. E in Champions questo “particolare” fa tutta la differenza del mondo.

Arbitro: Cakir 6,5 – Dirige bene, con autorità, una partita che non offre particolari “casi” da moviola. Ammonisce il giusto, senza esagerare.

 

TABELLINO

PSG-CHELSEA 1-1

Psg (4-3-3): Sirigu; van der Wiel, Marquinhos, T.Silva, Maxwell; Verratti, D.Luiz, Matuidi; Lavezzi (Dall’80’ Pastore), Ibrahimovic, Cavani.  All. Blanc

Chelsea (4-2-3-1): Courtois; Ivanovic, Cahill, Terry, Azpilicueta; Matic, Ramires; Willian (Dal 78’ Cuadrado), Fabregas (Dall’82’ Oscar), Hazard; D.Costa (Dall’80’ Remy).  All. Mourinho

Arbitro: Cuneyt Cakir (TUR)

Marcatori: 35’ Ivanovic (C), 54’ Cavani (P)

Ammoniti: 51’ van der Wiel (P), 65’ Ivanovic (C), 72’ Fabregas (C), 78’ Verratti (P)

Espulsi: -




Commenta con Facebook