• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI LAZIO-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI LAZIO-SAMPDORIA

F.Anderson strepitoso; Cana, troppo falli; Eder si muove un po’, Cacciatore serata no


Felipe Anderson (Getty Images)
Raniero Mercuri

05/01/2015 22:50

ECCO LE PAGELLE DI LAZIO-SAMPDORIA:

 

LAZIO

Marchetti 6 – Lo impensieriscono poco o nulla. In una parola? Infreddolito.

Basta 6,5 – Scende spesso sull’out di destra, creando grandi difficoltà a Regini, che fatica a contenerlo.

De Vrij 6,5 – Dirige la difesa con carisma ed autorevolezza non comuni. Quando può, tenta anche la fortuna in avanti, come al 29’ pt, quando di destro gira di poco fuori.

Cana 5,5 – Il peggiore. Per carità, temperamento e foga agonistica non gli mancano di certo. Spesso però eccede; come al 46’ pt, quando entra senza motivo a forbice sulle gambe di Eder, facendolo saltare in area come un birillo e rischiando il rosso diretto.  Dal 46’ st Cavanda 6 – Copre e riparte con continuità.

Radu 6,5 – Sempre attento, puntuale ed ordinato. Sia in fase di spinta che di copertura. Affidabile. Come sempre.

Parolo 7 – E’ suo il gol che sblocca la gara e porta in vantaggio gli uomini di Pioli. In realtà, deve ringraziare F.Anderson, che al 37’ pt scappa via sulla sinistra e gli offre un cadeau che il centrocampista, puntualissimo, non spreca.

Biglia 6,5 – E’ lui che dirige il gioco biancoceleste. E’ quando sembri non  notarlo che detta i ritmi a tutti i compagni. Forse esageriamo a definirlo un direttore d’orchestra. Già, forse.

Lulic 6 – La sua gara generosa e preziosissima la fa sempre. Lo trovi spesso in avanti in pericolose incursioni in area avversaria. Forse stasera è un tantino impreciso in qualche facile appoggio ai compagni. Dal 4’ st Onazi 6 – Grintoso ed ordinato.

F.Anderson 8,5 – Il migliore. Una devastante resurrezione. Un talento sbocciato. Fate voi. Minuto trentasette del primo tempo, se la spassa sulla sinistra dell’area blucerchiata e serve a Parolo la palla dell’uno a zero. Poi, al 40’ pt, fa tutto da solo, sparando un missile da fuori che si infila dritto all’angolino alla destra di Viviano. Infine, al 21’ st, li salta tutti e offre a Djordjevic la palla del tre a zero. Inarrestabile.

Djordjevic 6,5 – Sigla il terzo gol laziale, appoggiando in rete un assist dello scatenato F.Anderson. Fino a quel momento, l’ariete serbo non sembra nella sua giornata migliore. Al 21’ pt spreca un involontario assist di Cacciatore. Ci riprova al 5’ st, saltando uno spericolato Viviano ma concludendo sui piedi di Romagnoli.

S.Mauri 6,5 – Buona prova, anche se non appariscente. Garantisce sempre un ottimo appoggio ai compagni. Soprattutto, lega bene attacco e centrocampo. Dal 32’ st Candreva s.v.

All. Pioli 7 – La sua Lazio continua a convincere, giocando un ottimo calcio, propositivo e divertente.

 

SAMPDORIA

Viviano 5 – Non convince. Sul vantaggio laziale non ha colpe. Sul raddoppio di F.Anderson sì: il tiro del brasiliano è preciso e forte, ma l’estremo doriano sembra tuffarsi in ritardo. Poi, qualche altra ingenuità; come al 5’ st, quando in uscita spericolata si fa saltare da Djordjevic, che poi spreca. Ha avuto serate migliori, mettiamola così.

Cacciatore 4,5 – Il peggiore. Stasera la scelta del peggiore tra i doriani potrebbe davvero riguardare tutti. “Premiamo” il terzino per due motivi. Uno: al 21’ pt, forse ancora in clima natalizio, serve a Djordjevic un assist d’oro in area di rigore, che il serbo spreca. Due :al 37’ pt F.Anderson fa quello che vuole dalla sua parte, servendo l’assist vincente a Parolo. Può bastare.

Gastaldello 5 – Prova a reggere la baracca blucerchiata, diroccata e travolta dalla furia di F.Anderson. Ce la fa? No.

Romagnoli 5 – Soffre maledettamente i tre attaccanti laziali, non riuscendo mai ad avere la meglio nei duelli individuali.

Regini 4,5 – Travolto. Chissà se stanotte dormirà tranquillo. F. Anderson lo manda al manicomio: dribbling, scatti, giochi di prestigio. Un interminabile incubo.

Rizzo 4,5 – Mihajlovic lo manda sotto la doccia dopo soli quarantacinque minuti. Non serve aggiungere altro. Dal 46’ st Wszolek 4,5 – Ha giocato?

Palombo 5 – Lento, compassato. Non garantisce né geometrie né qualità lì in mezzo.

Obiang 5 – Male. Solitamente lo noti subito per agonismo e generosità. Stasera proprio no. Dal 22’ st Bergessio 5 – Non si fa vedere praticamente mai.

Soriano 5 – Gioca dietro le punte. In teoria. In pratica, si muove poco, non offrendo aiuto né al centrocampo né all’attacco.

Eder 5,5 – Il migliore. L’unico blucerchiato che si salva un po’. Ma in fondo non ne siamo sicuri neanche noi. Si fa notare al 35’ pt, quando si invola solo verso Marchetti, venendo fermato in off-side. Che probabilmente non c’è. Per il resto, almeno fa un po’ di movimento. Dal 28’ st Duncan 5 – Qualche contrasto qua e là, giusto per farsi vedere un po’.

Okaka 5 – Non è il solito combattente a cui eravamo abituati prima della sosta. Sia De Vrij che Cana lo contengono bene, senza troppe preoccupazioni.

All. Mihajlovic 5 – Stavolta è davvero una brutta Samp. Diremmo irriconoscibile. Lenta, senza capo né coda. Soprattutto molle. E questo a Mihajlovic non sarà proprio piaciuto.

Arbitro: Calvarese 5,5 – Dirige benino una gara senza particolari difficoltà. Tuttavia, al 46’ pt grazia Cana che entra a forbice su Eder, ammonendolo soltanto. Poi, resta forte il dubbio sul fuorigioco segnalato ad Eder al 35’ pt, che si stava involando solo verso Marchetti. Anche se qui ovviamente, la responsabilità è da attribuire in misura maggiore al guardalinee. Al limite, infine, il contatto in area biancoceleste tra Radu ed Okaka: il rigore per la Sampdoria ci poteva stare.

 

TABELLINO

LAZIO-SAMPDORIA 3-0

Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta, De Vrij, Cana (Dal 46’ st Cavanda), Radu; Parolo, Biglia, Lulic (Dal 4’ st Onazi); F.Anderson, Djordjevic, S.Mauri (Dal 32’ st Candreva).  All. Pioli

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Cacciatore, Gastaldello, Romagnoli, Regini; Rizzo (Dal 46’ st Wszolek), Palombo, Obiang (Dal 22’ st Bergessio); Soriano; Eder (Dal 28’ st Duncan), Okaka.  All. Mihajlovic

Arbitro: Gianpaolo Calvarese (sez. Teramo)

Marcatori: 37’ pt Parolo (L), 40’ pt F.Anderson (L), 21’ st Djordjevic (L)

Ammoniti: 18’ pt Gastaldello (S), 46’ pt Cana (L), 10’ st Basta (L), 18’ st Soriano (S)

Espulsi: -




Commenta con Facebook