• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > L'Editoriale di Sugoni - Seedorf, Doria, Hernanes, Morata: il mercato delle milanesi in cerca di

L'Editoriale di Sugoni - Seedorf, Doria, Hernanes, Morata: il mercato delle milanesi in cerca di riscatto

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di mercato di 'SkySport24


Clarence Seedorf (Getty Images)
Alessandro Sugoni

16/01/2014 11:25

EDITORIALE SUGONI MILAN INTER SEEDORF HERNANES / MILANO - E' arrivato tra gli applausi della gente di 'San Siro' e i sogni di tutti i tifosi milanisti. Che si aggrappano ancora a lui, Clarence Seedorf: come quando era in campo. Ora che ha tolto le scarpe e indossato la giacca da allenatore però, per lui comincerà il difficile. Rialzare il Milan. Per ora nessun vertice di mercato previsto. L'olandese era stanchissimo dopo il viaggio dal Brasile e – dopo Milan-Spezia – è corso subito a casa. Poco male, perché ha ancora due settimane per inserire eventualmente uomini nuovi (e possibilmente giusti). Ma l'impressione è che a gennaio cambierà poco. L'obiettivo resta sempre un centrocampista destro, viste le squalifiche di Montolivo e Muntari in Champions. Valuterà Essien, magari darà consigli per qualche altro nome (anche se Maher costa davvero tanto). Poi - soprattutto - getterà le basi per luglio. Mese che potrebbe portare Fernando del Porto, o magari il suo pupillo Doria. Difensore centrale di venti anni, compagno di squadra al Botafogo e in passato oggetto del desiderio della Juventus. Prima di fare nomi a Berlusconi e Galliani però, dovrà parlare di moduli. Il 4-3-1-2 e il 4-2-3-1 i più gettonati, con largo spazio lasciato alla fantasia e ai trequartisti (e non potrebbe essere altrimenti). Una volta individuata e indicata la nuova filosofia, si potrà pensare anche ai rinforzi per la svolta.

La stessa svolta che cerca l'Inter.  Un po' arenata dopo la buona partenza, la squadra nerazzurra affronterà l'ultima parte di questo mercato sventolando il manifesto delle dichiarazioni di Thohir: vendere per comprare. Frase che però non significa immobilismo. Anzi. Il movimento ha portato a sondare la Lazio per Hernanes (ottenendo già un ok di massimo dall'entourage dello stesso giocatore). 15 miliioni di euro, la cifra che potrebbe convincere Lotito. Quelli che dovrebbero arrivare - appunto - dall'eventuale partenza di Guarin (ma il Chelsea ha preso Matic e al momento non ci sono altre trattative in piedi) o di qualcun altro (Ranocchia? Difficile però che possa essere valutato così tanto). Nel frattempo l'Inter osserva, chiede e studia soluzioni, anche per il futuro. Una di queste è Alvaro Morata, ventunenne attaccante del Real Madrid in scadenza nel 2015. L'idea sarebbe quella di prenderlo in prestito con diritto di riscatto, oppure prenderlo pagandolo a rate. La valutazione è di 12-14 milioni, ma ci sono due problemi non da poco da superare: la concorrenza della Juve e la volontà del Real di non cederlo. Se ne riparlerà. E nel  frattempo magari si cercherà di chiudere la trattativa – diventata inaspettatamente lunga – con il Torino per D'Ambrosio. Aspettando magari che si presenti qualche altra opportunità. Perché le milanesi non hanno molti soldi da spendere, ma tante idee. Serviranno soprattutto quelle per ripartire e cancellare una delle stagioni meno scintillanti della Milano del calcio.




Commenta con Facebook