• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Mazzarri: "Due punte? Chi critica stia attento. Non accetto il paragone con Stramaccioni

Inter, Mazzarri: "Due punte? Chi critica stia attento. Non accetto il paragone con Stramaccioni ed il Milan"

Il tecnico nerazzurro ha parlato alla vigilia della sfida di Tim Cup con l'Udinese


Walter Mazzarri (Getty Images)
Lorenzo Polimanti

08/01/2014 15:54

INTER MAZZARRI UDINESE MILAN / MILANO - Testa all'Udinese e qualche sassolino da togliere dalle scarpe. Walter Mazzarri si concede ai microfoni di 'Inter Channel' alla vigilia della sfida di Tim Cup con i friulani e risponde alle critiche degli ultimi giorni: "Due attaccanti, Milito ed Icardi, non li ho praticamente mai avuti. Quindi chi critica perché non schiero due punte stia un pochino più attento a questi aspetti. Il paragone con l'avvio di Stramaccioni non è un'informazione completa. Quella squadra aveva 4 o 5 elementi che ora io non ho ed io ho ereditato la squadra che veniva dal girone di ritorno. Il rapporto va fatto su come è finito il campionato. Non mi sta bene neanche paragonare la nostra annata a quella del Milan perché c'è una diversità totale, senza considerare che ad oggi sono comunque nove punti dietro di noi".

LAZIO - "Ho chiesto ai ragazzi di non fare più gli errori che abbiamo fatto con la Lazio. Al di là dei 90 minuti non meritavamo di perdere. Dobbiamo trasformare questo stato d'animo in qualcosa di positivo".

COPPA ITALIA -
"Non deve essere presa come un obiettivo preciso, ma bisogna affrontare ogni gara come fosse una finale. Vogliamo passare il turno".

UDINESE - "Non dobbiamo pensare alla vittoria in campionato. Sarà una gara difficile. Dovremo giocare lontano dai nostri tifosi e questo è un peccato perché ci sarebbero serviti ora".




Commenta con Facebook