• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Palermo, de Boer: "Ecco perché Candreva in panchina"

Inter-Palermo, de Boer: "Ecco perché Candreva in panchina"

Il tecnico olandese ha analizzato il pari interno coi rosanero


Frank de Boer ©Getty Images

28/08/2016 20:31

INTER PALERMO DE BOER POSTGARA / MILANO - L'Inter delude anche nella seconda giornata. Dopo la sconfitta col Chievo, i nerazzurri pareggiano in casa col Palermo. Un match che il tecnico Frank de Boer ha analizzato a 'Premium Sport': "Penso che abbiamo giocato molto meglio della scorsa settimana, ma siamo tutti delusi del risultato. Avremmo potuto vincere anche 4-1 per il modo in cui abbiamo giocato nella seconda parte. Non siamo contenti al 100% ma partiamo da molto lontano. Abbiamo cambiato dei piccoli dettagli e sono fiducioso che possiamo ottenere i 3 punti nelle prossime partite. Siamo stati sfortunati a subire gol al loro primo tiro in porta, però oggi la squadra ha creato molto.

Perché non Candreva dall'inizio? Abbiamo tanta qualità nella squadra e lui poteva partire titolare, ma abbiamo tante alternative. Lui ha fatto molto bene, si vede che voleva provare a fare la differenza. Eder sta meglio fisicamente e io devo fare le mie scelte. La maggior parte dei giocatori non sono al 100%. Eder può giocare su entrambe le corsie. Nel secondo tempo abbiamo fatto meglio perché ho spiegato alla squadra il modo in cui volevo giocare.

Kondogbia e Medel? Non voglio focalizzarmi su due giocatori, loro hanno lottato molto. Ho visto l'energia che volevo vedere in campo. Anche se alcuni giocatori non hanno giocato al top per me non è un problema. Sono contento dell'energia che la squadra ha messo in campo. L'ultimo cambio? Stavamo mettendo gli avversari sotto pressione, non c'era motivo di cambiare sistema o giocatori. Adesso molti giocatori voleranno dalle loro nazionali, dobbiamo migliorare fisicamente e cercheremo di lavorare su tante cose".

D.G.




Commenta con Facebook