• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-NAPOLI

Tipica partita da fine stagione, doriani disastrosi in difesa; ottime notizie invece per Rafa Benitez


Festa azzurra a Marassi (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

11/05/2014 17:18

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-NAPOLI / GENOVA - Tipica gara da fine stagione fra due squadre che non hanno più niente da perdere e giocano divertendosi, a viso aperto, con innumerevoli occasioni da ambo le parti. Nella Samp disastrosi Mustafi Fiorillo, per Benitez ottime notizie dagli attaccanti e dall'esperimento Mesto al centro della difesa. 

 

 

SAMPDORIA 

 

Fiorillo 4,5 - Parata fantastica su Fernandez, che però non impedisce a Zapata di inzuccare il tap-in dello 0-1. Poi la situazione precipita: piazzato malissimo sul bolide di Insigne, battezza ancora peggio la punizione di Callejon che vale il terzo gol azzurro. Dopo un paio di ottime prestazioni, oggi ha responsabilità enormi in questa sconfitta.  

 

De Silvestri 5 - Affonda nel primo tempo un paio di volte, facendo sudare Reveillere, poi però tira i remi in barca insieme a tutta la squadra. 

 

Gastaldello 5 - In difficoltà costante, subisce l'iniziativa degli avversari e si fa scherzare in più di un'occasione, in copertura e anche in marcatura. Dovrebbe tenere Zapata, non lo prende mai. 

 

Mustafi 4,5 - Distratto in più di un'occasione, piazzato molto male in marcatura su Hamsik, che gli sfugge e va ad insaccare il 4-1. Al 5-1 invece pensa direttamente lui, anticipando tragicamente il suo portiere. Non proprio il modo migliore di festeggiare la convocazione al Mondiale. 

 

Regini 5 - Come De Silvestri, prova a farsi valere in appoggio al centrocampo ma con scarso successo. In fase difensiva invece si ritrova surclassato dagli attaccanti partenopei. 

 

Krsticic 5 - Corresponsabile di un centrocampo che si accartoccia sui colpi di Inler e Jorginho, spende molto ma costruisce molto poco. (Dal 58' Renan 5,5 - Entra a partita morta, amministra il pallone e prova qualche conclusione dalla distanza, senza troppa fortuna).

 

Palombo 5 - All'andata fu uno dei migliori, stavolta affonda insieme a tutta la squadra ritrovandosi in una giungla di gambe che non lasciano nulla. Dalla metà campo partono tutti i problemi di Mihajlovic, difesa a parte. 

 

Gabbiadini 5 - Se i suoi compagni di reparto si muovono bene, o almeno ci provano, lui è invece un pesce fuor d'acqua. Si muove poco, si arrabbia con i compagni, ha pochissimi palloni giocabili. Sostituzione sacrosanta. (Dal 63' Sansone 5,5 - Il suo ingresso non è di quelli da ricordare. Si lascia trascinare dal marasma generale).

 

Soriano 6 - Prezioso il lavoro di raccordo fra attacco e centrocampo, scala spesso a dare superiorità numerica alla linea mediana. Ma oggi Hamsik è in palla e gli dà una lezione su come si interpreta al meglio quel ruolo.  

 

Eder 6,5 - Zampetta vivace dalla sinistra al centro della trequarti, fa arrabbiare Mihajlovic quando (spesso) è troppo lezioso. Poi però trova l'angolo giusto con un siluro che incoccia il palo prima di gonfiare la rete. Di certo il migliore dei suoi. 

 

Maxi Lopez 5,5 - Combatte e si sbraccia lì davanti, chiuso a tenaglia dagli attenti centrali ospiti. Si libera bene un paio di volte ma spreca, ottimo invece il movimento sul gol di Eder. (Dal 79' Wszolek 6,5 - Dieci minuti per prendere un pallone al limite e scaraventarlo in rete con un sinistro imprendibile per Doblas. Di più non poteva fare).

 

All. Mihajlovic 5 - La sua faccia, la sua rassegnazione di fronte ad una partita balorda, con tanti errori individuali, la dice lunghissima sulla prestazione della squadra. Per fortuna che i tifosi hanno da festeggiare: stagione soddisfacente e la possibilità sempre più concreta di finire il campionato sopra al Genoa, ormai l'unico vero obiettivo rimasto. 

 

 

NAPOLI 

 

Reina 6 - Un'uscita balorda che provoca brividi ai tifosi ad inizio match, poi si dà un'assestata e guida bene una difesa che non corre molti pericoli concreti. (Dal 77' Doblas sv)

 

Maggio 6,5 - Nello stadio che lo ha visto diventare grande, davanti ad un pubblico che lo adora, Maggio torna dopo un lungo infortunio e sfodera una prestazione notevole, mai sotto ritmo, con buona presenza anche in fase offensiva. Un gradito ritorno per il Napoli. 

 

Fernandez 7 - Ormai è una certezza, la pulizia nelle chiusure e lo straordinario senso dell'anticipo lo stanno rendendo uno dei migliori centrali del nostro campionato, degno rappresentante della categoria ai Mondiali con la maglia dell'Argentina, non certo di una qualunque. Splendido anche oggi, in particolare una chiusura nel primo tempo su Maxi Lopez è da strabuzzare gli occhi. 

 

Mesto 6,5 - Sicuro e sempre puntuale nell'anticipo, un esperimento che può dirsi riuscito per Benitez, che si ritrova in casa un centrale inatteso. Un po' difettoso solo nella chiusura su Eder sul gol del brasiliano. 

 

Reveillere 6 - Attento e sempre pronto alla chiusura, riesce a portare a casa una prestazione di tutto rispetto pur senza sfiacchirsi troppo. 

 

Inler 7 - Forza e sostanza, sradica il pallone dai piedi degli avversari e va a proporsi con continuità. Ottima resa in mezzo al campo, sembra ci sia sempre un uomo in più. 

 

Jorginho 7 - Anche se non andrà in Brasile, la sensazione è che questo ragazzo di 22 anni nei prossimi anni sarà conteso dall'Italia e dalla nazionale verdeoro per chi dovrà dargli le chiavi del centrocampo. Non spreca un pallone, sembra leggerino ma è un'illusione, sa sempre cosa fare. Fra le note più positive da gennaio in poi, a maggior ragione stasera. 

 

Callejon 7 - Una punizione tutt'altro che scontata, furba e insidiosa come il suo tiratore. Rimbalza ad un passo da Fiorillo e lo manda fuori causa. Il gol numero 19 della stagione, se ne segna un altro sarà riuscito ad andare anche oltre le più rosee previsioni di Benitez, a dimostrazione di una stagione a dir poco trionfale. Ed ora, Del Bosque, pensaci tu. (Dal 71' Zuniga 6 - Godot finalmente è arrivato. Per far rivedere la sua faccia e la sua maglia, non certo per utilità specifica. Ma è comunque l'ennesima buona notizia di giornata per Benitez).

 

Hamsik 7,5 - Lucido ed ispirato fin dal primo minuto, strappa applausi con un paio di aperture illuminanti, dando il via praticamente ad ogni azione della squadra. Poi finalmente si sblocca anche sul tabellino dei marcatori, con un inserimento dei suoi. Poi esce infortunato, ma dopo questa partita si può dire: Marek è tornato. (Dal 63' Mertens 6,5 - Entra a risultato acquisito e si accoda ai suoi, che si limitano a gestire il risultato).

 

Insigne 7 - Si muove meno rispetto ad altre uscite, però finalmente ritrova il "suo" gol anche in campionato. Un missile insidioso, che cambia traiettoria all'ultimo momento, spiazzando Fiorillo. Sta chiudendo la stagione in bellezza, un biglietto da visita niente male in vista del Brasile. 

 

Duvan 8 - Si muove benissimo, sa farsi valere col fisico ma è strabiliante anche con i piedi. Di testa il gol, di piede i migliori smistamenti di palla che aprono spazi fondamentali per i compagni. E' sempre lì, serve anche ad Hamsik uno straordinario cross teso che il capitano deve solo mettere dentro. La risposta a tante critiche: con un anno di prestito da titolare può andare anche in doppia cifra.  

 

All. Benitez 8 - Novantanove (!) gol stagionali fra campionato e coppe, il punto esclamativo alla stagione con una straripante vittoria esterna, la decima, altro record di un campionato ben sopra le righe. Con in più una serie di buone notizie: Mesto centrale, il ritorno di Zuniga e Maggio, la riconferma di Insigne e Zapata. Happy ending.  

 

Arbitro Chiffi 6 - Direzione con pochi sussulti, non molto da segnalare dal punto di vista arbitrale. 

 

 

TABELLINO

SAMPDORIA-NAPOLI 2-5

Sampdoria (4-2-3-1): Fiorillo; De Silvestri, Mustafi, Gastaldello, Regini; Palombo, Krsticic (dal 58' Renan); Gabbiadini (dal 64' Sansone), Eder, Soriano; Maxi Lopez (dall'80' Wszolek). A disp.: Da Costa, Falcone, Costa, Fornasier, Rodriguez, Salamon, Bjarnason, Sestu. All.: Mihajlovic

Napoli (4-2-3-1): Reina(dall'80' Doblas); Maggio, Mesto, Fernandez, Reveillere; Inler, Jorginho; Callejon (dal 72' Zuniga), Hamsik (dal 65' Mertens), Insigne; Zapata. A disp.: Colombo, Henrique, Lasicki, Ghoulam, Romano, Radosevic, Pandev. All.: Benitez

Arbitro: Chiffi

Marcatori: 19' Zapata, 26' Insigne (N), 30' Eder (S), 32' Callejon, 47' Hamsik (N), 62' aut. Mustafi (N), 90' Wszolek (S)

Ammoniti: 63' Mustafi (S)




Commenta con Facebook