Calciomercato, da Milik a Zapata e Jimenez | Nuovo ‘9’ alla Juventus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:59
Milik, Zapata e Jimenez (Getty Images)

Focus di Calciomercato.it sulla Juventus e la sua ricerca di un bomber considerato il sicuro addio di Gonzalo Higuain. Tra Italia ed estero, ecco candidati e cifre

Da Maurizio Sarri ad Andrea Pirlo, è cambiato tutto ma anche (quasi) niente. Perlomeno in tema calciomercato, visto che alcune necessità impellenti sono rimaste tali anche con l’avvento del 41enne di Flero. Una su tutte: il centravanti. La Juventus è chiamata infatti a rimpiazzare Gonzalo Higuain, sicuro partente attraverso una cessione oppure con la risoluzione del contratto attualmente in scadenza nel giugno 2021. Da Arkadiusz Milik a Duvan Zapata passando per Raul Jimenez fino a Dzeko e all’ex Alvaro Morata, ecco l’approfondimento di Calciomercato.it sui candidati alla numero 9 bianconera.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, cessione eccellente | Ribaltone e addio da 100 milioni

milik
Arkadiusz Milik (Getty Images)

Calciomercato Juventus, Milik resta in pole ma avanza Zapata

Nonostante l’esonero di Sarri, in pole per il dopo Higuain dovrebbe rimanere Milik. Col polacco c’è già un accordo di massima sulla base di 4 milioni di euro netti a stagione. Il Napoli è di fatto obbligato a venderlo dato che l’ex Ajax non intende rinnovare il contratto in scadenza nel giugno 2021. Gli ostacoli alla chiusura dell’affare permangono due: De Laurentiis, il quale non intende abbassare la sua richiesta di circa 40-50 milioni di euro; i diritti d’immagine, che per esempio mettono un freno alla possibilità di inserimento del cartellino di Federico Bernardeschi, fresco di accordo con la Roc Nation che gestisce l’immagine di tanti campioni, tra cui Romelu Lukaku. Milik in salita, ecco perché torna prepotente la candidatura di Duvan Zapata. Il colombiano sembra piacere molto a Pirlo, anche se l’Atalanta non vuole liberarsene a meno di una offerta da 60 milioni di euro. Paratici e Nedved potrebbero provare ad abbassare la cifra mettendo sul tavolo delle contropartite tecniche, su tutti Perin che è un ‘pupillo’ di Gasperini.

Chiudendo in Italia, molto stimato è pure Edin Dzeko. Il bosniaco è quello che costerebbe meno lato cartellino, ma in suo sfavore giocano senz’altro l’età (34 anni) e l’ingaggio quasi ‘alla Higuain’. Eventualmente con la Roma, con la quale i rapporti sono eccellenti e che valuta il suo centravanti sui 10-12 milioni, possibile uno scambio alla pari.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, nuova tegola per Pirlo | Un altro big ko per la nuova stagione

Calciomercato Juventus Jimenez
Raul Jimenez (Getty Images)

Calciomercato Juventus, nuovo bomber: le piste straniere da Jimenez a Lacazette e Morata

Per l’eredità del ‘Pipita’ vanno ovviamente tenute in forte considerazione anche le piste estere. In particolar modo quella che conduce a Raul Jimenez, messicano del Wolverhampton, un club in orbita Jorge Mendes. Non a caso si dice che sia il preferito di Cristiano Ronaldo, e pure della Juventus. Il problema è il prezzo: 60 milioni di euro, ma rumors inglesi dicono anche 80. I bianconeri potrebbero però giocarsi diverse ‘carte’, alias contropartite per ridurre le pretese del club in mano al conglomerato cinese Fosun. Da Rugani al solito Bernardeschi, passando per Rabiot e Ramsey fino a Douglas Costa: questi i nomi che potrebbero intrigare i ‘Wolves’, ieri sera eliminati ai quarti di Europa League dal Siviglia. Restando in Premier, stuzzica poi Lacazette dell’Arsenal, che però i media britannici danno vicino all’Atletico Madrid.

Alvaro Morata (Getty Images)

A proposito di Atletico, trova conferma la possibilità di un assalto ad Alvaro Morata lanciata tre giorni fa da ‘calciomercatoweb.it’. Il grande ex sta bene in Spagna, ma potrebbe non disdegnare un ritorno a Torino, a maggior ragione se i ‘Colchoneros’ dovessero prendere un altro attaccante. Oggi comunque è solo una ‘suggestione’, domani chissà…

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato Juventus, la squadra dei sogni di Pirlo | Addio e super colpo

Juventus, sorpresa Pirlo | Scelta radicale: cambia il capitano