Dybala è in buona compagnia: il focus sui giocatori ancora senza squadra

Paulo Dybala è il ‘caso’ più eclatante, ma ci sono tanti altri calciatori che ad oggi ancora non hanno una squadra. L’approfondimento di Calciomercato.it

Il calciomercato è cambiato dopo la pandemia, è cambiato soprattutto quello riguardante gli svincolati. Un tempo rappresentavano la grande occasione da cogliere al volo, da non lasciarsi scappare, ora invece non è più così. I motivi sono diversi, tra questi il problema delle rose ingolfate, con esuberi difficilissimi da vendere, ma anche quello legato alle eccessive richieste economiche degli stessi calciatori senza squadra. E per richieste includiamo le commissioni, da sempre alte quando parliamo di free agent.

Dybala, Bernardeschi e Belotti ©LaPresse

Il ‘caso’ più eclatante, quello più chiacchierato rimanendo almeno al nostro orticello, è sicuramente Paulo Dybala. Scaricato dalla Juventus, l’argentino rischia di essere stato sedotto – e pure qualcosa di più: quella nerazzurra è stata ed è una proposta concreta, l’unica di una big che fa la Champions – e abbandonato dall’Inter. Delle parole di ieri di Marotta tocca fidarsi il giusto, ma è vero che senza uscite (quantomeno quella di Sanchez. Mentre per Dzeko potrebbe dare una mano l’amico Monza) in attacco sarà impossibile per l’Ad, che con Paulo vanta un rapporto forte, inserire il classe ’93 nella rosa di Inzaghi.

Calciomercato Inter, non solo il problema uscite: con Dybala non c’è ancora un accordo

Paulo Dybala ©LaPresse

Il matrimonio Dybala-Inter non si è celebrato e non si potrebbe celebrare pure perché un accordo non c’è. I nerazzurri hanno offerto meno di 6 milioni più bonus, come da prassi non tutti facilmente raggiungibili, mentre l’argentino punta a toccare quota 7 milioni netti e avere dei bonus meno complicati. Poi c’è il nodo commissioni, che non sono basse e che per la maggior parte intascherebbe Dybala e famiglia. Per intenderci, Antun chiede quello che gli si ‘ordina’… L’Inter resta in corsa e osiamo dire in pole per l’ex bianconero, ammesso che lui voglia ancora aspettare. Certo, non c’è la fila a meno che decida di abbassare – non di poco – le sue richieste.

Milan, Roma, Napoli (che ha fatto un sondaggio) possiamo inserirle in una (molto) ipotetica corsa in caso di definitiva uscita di scena della società targata Suning, a patto però che il team Dybala faccia due se non tre passi indietro. In Spagna resta l’Atletico Madrid di Simeone, ma come l’Inter è pieno in attacco e ha i paletti della Liga legati al salary cup. In Premier, campionato indigesto a Paulo, si sono sfilate Arsenal e Newcastle: da entrambe è arrivata una risposta negativa. Resta il Manchester United, sullo sfondo – forse – il Tottenham. In conclusione: per Dybala non c’è la fila, dovesse saltare davvero l’Inter la sua situazione si complicherebbe. E non sarebbe una bella cosa a pochi mesi da un Mondiale che ad ora non è sicuro di giocare.

Dybala e i suoi ‘fratelli’: da Bernardeschi e Belotti a Dembele e Suarez, le ultime

Pedri e Ousmane Dembele ©LaPresse

Va detto che Dybala è in buona compagnia. Sono infatti ancora tanti i giocatori disoccupati, alcuni illustri e altri meno. In Italia i nomi più importanti sono quelli di Federico Bernardeschi, Alessio Romagnoli e Andrea Belotti. Nel momento in cui scriviamo l’ex Milan è quello più vicino a firmare, precisamente con la Lazio della quale è notoriamente tifosi. Per il primo è spuntata fuori in queste ore la pista Toronto, dove sono già approdati Insigne e Criscito, mentre per Belotti è sfida a due tutta francese tra Nizza e Monaco. Non va dimenticato poi Dries Mertens, per il quale ora si sarebbe fatto avanti il Marsiglia di Tudor e Camoranesi. All’estero gli svincolati abbondano, con alcuni che sono proprio di lusso, vedi Cavani, Ousmane Dembele e un certo Luis Suarez.

Il francese potrebbe ancora firmare un nuovo contratto col Barcellona, su di lui però è bagarre con Chelsea e PSG in prima fila. Per l’uruguaiano è svanita subito la possibilità di un approdo in Italia, mentre è sempre ‘calda’ la pista che lo condurrebbe dritto al River Plate. Svincolati di lusso lo sono stati per poco pure Pobga e Di Maria: il futuro prossimo di entrambi sarà alla Juventus.