Calciomercato Juventus, da Morata a Bentancur: tesoretto per Vlahovic

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:55

Le strade della Juventus e Dusan Vlahovic potrebbero incrociarsi già a gennaio. L’eventuale arrivo del serbo è però legato anche ad un tesoretto da accumulare 

Il conto alla rovescia è partito. I fari sono tutti puntati su Dusan Vlahovic, centravanti della Fiorentina che si appresta a diventare bianconero nelle prossime quarantotto ore, come raccolto dalla nostra redazione. Tutto passa però anche dalle cessioni, quelle che la Juventus dovrà operare per accumulare con tempistiche risicate un tesoretto sufficiente da mettere in piedi, per quello che a tutti gli effetti sarebbe il colpo di gennaio.

Juventus-Vlahovic, ecco il tesoretto: da Morata a Dybala passando per Bentancur
Vlahovic © LaPresse

Il gruppetto dei candidati è ben circoscritto, a partire da Rodrigo Bentancur che ha sulle sue tracce l’Aston Villa, ma come appreso da Calciomercato.it l’uruguaiano è disposto ad ascoltare soltanto un’offerta importante per dire sì ad un addio anticipato di due anni e mezzo rispetto alla scadenza naturale del contratto, e fino ad ora non è arrivata. Ostacolo di non poco conto anche il 35% della cifra incassata che la Juventus, dall’eventuale addio di Bentancur dovrà versare nella casse del Boca Juniors, precedente proprietario del cartellino.

Calciomercato Juventus, non solo Bentancur: punti interrogativi a centrocampo

Juventus-Vlahovic, ecco il tesoretto: da Morata a Dybala passando per Bentancur
bentancur © LaPresse

Per ciò che concerne il centrocampo vanno inoltre monitorate sempre le situazioni di Arthur e Ramsey, che vivono comunque contesti ben differenti tra di loro. I contatti con l’Arsenal per il brasiliano non sono mai terminati, ma Allegri e la Juve non hanno intenzione di dare alcun via libera senza l’arrivo di un sostituto. Arthur ha già detto sì ad Arteta, ma ha gradito la maggior considerazione datagli dall’allenatore della Juventus nelle ultime settimane. Sicuro addio invece dovrebbe essere quello del gallese, sulla lista dei partenti per stessa ammissione di Allegri ed in attesa di una destinazione che potrebbe anche essere Newcastle, seppur senza esborso per il cartellino. Il divorzio dall’ex Gunners consentirebbe comunque alla Juventus un considerevole risparmio sull’ingaggio monstre.

Calciomercato Juventus, come cambia l’attacco: da Morata a Dybala

Juventus-Vlahovic, ecco il tesoretto: da Morata a Dybala passando per Bentancur
Alvaro Morata © LaPresse

Il colpo Vlahovic inoltre porta ad un’analisi inevitabile su due attaccanti presenti nella rosa di Allegri, e che potrebbero avere il proprio destino più o meno legato al serbo: Alvaro Morata e Paulo Dybala. Partiamo dallo spagnolo che, come evidenziato da Calciomercato.it, resta l’obiettivo numero uno di Xavi per l’attacco, ma il suo eventuale arrivo al Barcellona non dipende solamente dall’approdo del serbo viola alla Continassa. Certo, se i bianconeri dovessero chiudere in fretta per Vlahovic, i catalani otterrebbero immediatamente il via libera per il nove bianconero e potrebbero far leva su accordi di massima già trovati su tutti i fronti: circa metà dei 10 milioni previsti dal prestito annuale abbonati alla Juve, intesa col calciatore e intesa anche con l’Atletico Madrid.

L’ultimo ostacolo è rappresentato però dal monte ingaggi. Serve una cessione e per questo il Barça continua a spingere per cedere subito Dembele, in scadenza di contratto dopo aver rifiutato anche l’ultima proposta di rinnovo. Come extrema ratio, non è escluso che al francese possa essere concessa la “carta de libertad” (la rescissione contrattuale) con sei mesi di anticipo. Nel frattempo l’agente di Morata, Juanma Lopez, è stato a Milano in occasione di Milan-Juventus e ha avuto modo di approfondire la questione con i vertici juventini.

Chiude il quadro infine Paulo Dybala, sul cui futuro continuano ad aleggiare ombre. I discorsi per i rinnovi sono stati rinviati a febbraio e con l’alto investimento per Vlahovic la Juve rischia di andare a risparmiare anche sui prolungamenti. In quel caso estremo Marotta potrebbe tornare in agguato.