Calciomercato Inter, Lukaku come Hakimi e Conte | Futuro e sostituti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:13

Calciomercato Inter, cosa cambia con l’addio di Lukaku: le prospettive dei nerazzurri, rischio ridimensionamento ma si va a caccia degli eredi

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

Lukaku
Romelu Lukaku © Getty Images

Ore decisamente convulse, in casa Inter, dove tiene banco il futuro di Romelu Lukaku. Per l’attaccante belga, ritenuto incedibile dai nerazzurri a meno di offerte indecenti, c’è l’offensiva concreta da parte del Chelsea. I londinesi hanno presentato a stretto giro di posta varie offerte al club milanese, mettendo sul piatto anche il cartellino di Marcos Alonso. Un assalto che adesso sta facendo vacillare la dirigenza e anche lo stesso Lukaku sta riflettendo sull’ipotesi di tornare ai ‘Blues’. Si attende l’ulteriore rilancio che potrebbe essere quello decisivo, in grado di sparigliare definitivamente le carte. E ci si chiede a questo punto quale sarà il prossimo futuro dell’Inter, con un’altra cessione pesante. Facciamo il punto sul calciomercato dell’Inter e sulle prospettive nerazzurre in caso di addio di Lukaku, con focus sui possibili eredi del bomber e sugli altri acquisti della squadra di Inzaghi.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube!

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, ecco il rilancio: “Tra i 120 e i 130 milioni di euro”

Lukaku
Romelu Lukaku © Getty Images

Calciomercato Inter, dopo Hakimi via anche Lukaku: la ‘profezia’ di Conte

L’Inter aveva tentato, finora, di limitare all’addio del solo Hakimi i danni in una sessione di mercato che annunciava i nerazzurri in difficoltà economiche e con l’obbligo di monetizzare per sistemare le casse. Quello del marocchino potrebbe, però, a questo punto non essere l’unico addio di grido. E se effettivamente di addio per Lukaku si trattasse, bisognerebbe forse ripensare le prospettive a vario termine del club, con Simone Inzaghi che di certo perderebbe un elemento di spicco, probabilmente l’interprete principale delle ultime due annate interiste. Sui social il caso Lukaku viene indicato come ‘colpa’ di Conte, ma non si può fare a meno di ripensare alle modalità dell’addio del tecnico dello scudetto e alle motivazioni dietro il suo gesto. L’allenatore pugliese aveva evidentemente immaginato che ci fosse il rischio di perdere tasselli importanti nella squadra e dunque di perdere competitività. Senza Lukaku, effettivamente, l’Inter perderebbe molto in chiave lotta scudetto e anche il nuovo assalto alla Champions League partirebbe ad handicap.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, dalla Francia: “Ha già firmato per l’Inter”

Vlahovic
Dusan Vlahovic © Getty Images

Inter, si pensa già al dopo Lukaku: tutti i nomi

Inter che, naturalmente, sarebbe chiamata a una pronta reazione sul mercato e a utilizzare almeno parte dei fondi incassati dalla cessione del belga per trovare un degno sostituto. Difficile trovare un giocatore di uguale impatto, dal punto di vista tecnico (non solo per i gol) e carismatico, ma eredi quantomeno credibili non mancano. I nomi principali sono quelli di Dusan Vlahovic e Duvan Zapata. Sia il serbo che il colombiano si sono ben comportati di recente e hanno dimostrato qualità interessanti. Soprattutto, nel primo caso, margini di miglioramento ancora notevoli vista l’età. La Fiorentina chiede però circa 60 milioni di euro per lasciarlo andare. Poco meno ne chiede l’Atalanta (da 45 milioni a salire) per Zapata. Altre ipotesi, da Belotti a Jovic passando per Correa e Raspadori, risulterebbero decisamente meno intriganti. Da quello che sarà, nel caso, l’acquisto per rimpiazzare Lukaku si capirà molto dei prossimi obiettivi del club. Che dovrà in ogni caso rinforzare la squadra anche in altri reparti cercando di colmare la perdita con innesti di spessore. Inter che continua a spingere per Nandez cercando l’accordo con il Cagliari, attende Eriksen sperando ci siano buone notizie e a questo punto cerca di blindare almeno per il momento altri leader tecnici come Brozovic, de Vrij, Skriniar e Lautaro Martinez.