Calciomercato, Milan-Rudiger: il Chelsea fa muro | Le ultime di CM.IT

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:31

Antonio Rudiger è in uscita dal Chelsea ed è stato accostato anche al Milan, alla ricerca di un centrale difensivo: ecco come stanno le cose

C’è fermento in casa Milan, sempre a caccia di un difensore centrale da regalare a Stefano Pioli. L’infortunio di capitan Romagnoli, lo stop dovuto alla positività al Covid-19 di Leo Duarte e il lungo stop di Mateo Musacchio, costringono l’allenatore rossonero a schierare sempre la coppia KjaerGabbia. Dunque, c’è bisogno di un nuovo innesto e sono tanti i nomi sul tavolo degli uomini mercato MaldiniMassara. Da Milenkovic a Pezzella, entrambi di proprietà della Fiorentina, passando per Nastasic dello Schalke 04 e Omar Alderete del Basilea. Negli ultimi giorni, però, si è parlato anche di una vecchia conoscenza del calcio italiano: Antonio Rudiger. Il roccioso centrale tedesco non sembra rientrare nei piani del manager del Chelsea, Frank Lampard, e rappresenta una succosa occasione per diversi top club europei. Oltre alle italiane, infatti, il Paris Saint-Germain di Leonardo si è messo prepotentemente sulle sue tracce.

LEGGI ANCHE>>>Calciomercato Milan, Hauge strega il Diavolo: si chiude!

Calciomercato Milan, la posizione del Chelsea per Rudiger

Per quanto riguarda il Milan, riportano indiscrezioni raccolte da Calciomercato.it, l’interesse è confermato e reale, ma solo a determinate condizioni. I rossoneri sono interessati ad un’eventuale acquisizione di Rudiger in prestito con diritto di riscatto, mentre Marina Granovskaia, deus ex machina del Chelsea, è pronta a lasciare partire il 27enne ex Roma a titolo definitivo per una cifra che si aggira sui 35/40 milioni di euro e, per il momento, non accetta proposte di diverso tipo. Una condizione che difficilmente la società del gruppo Elliott potrà soddisfare e non è un caso che si stiano vagliando alternative più a basso costo. I dirigenti sono al lavoro, Pioli resta in attesa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Calciomercato Milan, ecco l’alternativa a Bakayoko