Juventus, dirigenti sotto accusa: “Pochi per de Ligt, troppi per Bremer”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:45

Ieri è arrivata la cessione di de Ligt al Bayern, mentre oggi Bremer sosterrà le visite mediche: operazione della Juve nel mirino

La Juventus, nella giornata di ieri, ha dato il via alla rivoluzione difensiva. Ceduto ufficialmente Matthijs de Ligt al Bayern Monaco, ha accelerato l’operazione che ha portato al sorpasso sull’Inter e all’accordo col Torino per Gleison Bremer.

Juventus, dirigenti sotto accusa: "Pochi per de Ligt, troppi per Bremer"
Matthijs de Ligt all’arrivo a Monaco di Baviera ©️ LaPresse

Dal comunicato ufficiale del club bianconero, si evince che il centrale olandese è stato acquistato dai bavaresi per 67 milioni di euro, più 10 milioni massimo di bonus raggiungibili. Poco più della cifra pagata tre anni fa dalla Juventus per accaparrarsi l’ex capitano dell’Ajax. Di contro, in attesa di comunicazioni ufficiali, i dirigenti del club guidato da Andrea Agnelli, sono andati all’assalto di Gleison Bremer del Torino, promesso sposo dell’Inter da diversi mesi. Con un’offerta da 50 milioni di euro, bonus compresi, ha sbaragliato la concorrenza e battuto i nerazzurri del grande ex Beppe Marotta, amministratore delegato del club meneghino.

Questa mattina, il 25enne brasiliano sosterrà le visite mediche al ‘J Medical’, dopo essere arrivato nella tarda serata di ieri a Torino dal ritiro austriaco dei granata di Ivan Juric. Successivamente, apporrà la sua firma su un contratto, presumibilmente, quinquennale da 6 milioni di euro netti a stagione, bonus compresi. Un investimento decisamente importante per la Juventus. Che, nel frattempo, non perde di vista Pau Torres del Villarreal, ma la richiesta è altissima, e Nikola Milenkovic della Fiorentina, economicamente più abbordabile.

"Poco per de Ligt, troppo per Bremer": le cifre fanno discutere
Bremer © Calciomercatoit

“Poco per de Ligt, troppo per Bremer”: le cifre fanno discutere

Nel frattempo, le cifre delle operazioni de Ligt e Bremer fanno discutere. “La cifra per de Ligt è bassa rispetto alla clausola rescissoria, ma è una ulteriore prova che la Juve non ha Marotta in dirigenza – il parere del giornalista Mario Mattioli a ‘Radio Radio’ – L’olandese è stato ceduto 8-12 milioni in meno di quello che doveva essere, Bremer è stato acquistato a 10 milioni in più. Questa è una mia valutazione. Il brasiliano è un ottimo giocatore, ma non da 50 milioni. Per quanto riguarda l’ingaggio, non potevano dare 6 milioni a Dybala, mentre a Bremer sì”. Dello stesso parere anche l’ex portiere Fernando Orsi: “De Ligt è stato venduto a poco, Bremer è stato pagato troppo. Ma servono due centrali dopo l’addio dell’olandese. Se prende anche Milenkovic, la Juventus fa una grande squadra”. Adesso sarà il campo, però, ad emettere il verdetto definitivo.