CM.IT | Conte-Zhang, scontro e addio vicino: il ‘sospetto’ dell’Inter e i papabili eredi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:20

Antonio Conte verso l’addio all’Inter. Decisivo lo scontro con la proprietà

Conte-Inter, si viaggia verso il divorzio per mera decisione del tecnico, che non accetta (qualche indizio in tal senso già c’era, come rivelato da CM.IT) il piano di Suning che prevede un forte ‘taglio’ dei costi e il sacrificio di almeno un big oltre che zero o quasi budget per la campagna acquisti. Stando alle informazioni raccolte da Calciomercato.it, tra lui e la proprietà è in atto un vero e proprio ‘scontro’.

OFFERTO IL RINNOVO – Steven Zhang vuole che sia lui a dimettersi, perché in fondo è una scelta esclusivamente sua – anche se per un allenatore del livello di Conte, peraltro fresco di scudetto, è molto difficile accettare le ‘condizioni’ dettate da Suning – quella di dire addio. Tanto è vero che, sempre secondo quanto raccolto, a lui è stato proposto (così come ai dirigenti, anche loro in scadenza a giugno 2022) il rinnovo del contratto con ‘spalmatura’ del ricco ingaggio che nell’ultimo anno di contratto sarà superiore ai 12 milioni di euro netti. E’ probabile comunque che alla fine si concordi per una separazione meno tumultuosa, ovvero una risoluzione con annessa buonuscita.

LEGGI ANCHE >>> CM.IT | Stipendio, commissioni e Champions: Napoli, che è successo con Conceicao

Calciomercato Inter, big a rischio cessione: Lautaro Martinez il maggiore indiziato

Conte e Lautaro Martinez ©️Getty Images

Va detto, stando a quanto filtra da ambienti Inter, che Steven Zhang aveva già detto da tempo a Conte e alla dirigenza quali erano scenari e prospettive, con il club privo di iquidità per investimenti sul mercato e per questo obbligato a fare cassa in modo pesante. Cinque-sei potrebbero partire tra titolarissimi e titolari. Lautaro Martinez è il maggiore indiziato, il nuovo agente Camano è al lavoro da qualche settimana per portarlo al Real o all’Atletico.

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, sfuma l’affare gratis: pronto un triennale

SOSPETTO TOP CLUB – Tornando all’addio di Conte, l’Inter ‘sospetta’ che dietro questa scelta ci sia qualche top club dietro. La voce che circola, Real Madrid e Tottenham a parte, chiama in causa nientemeno che il Barcellona, ancora indeciso se confermare Koeman. Agenti e intermediari vicinissimi a Conte hanno del resto un ottimo rapporto con il club blaugrana…

SILENZIO STAMPA CONTEAlla proprietà non sono andate giù le parole di Stellini dopo Inter-Udinese. Lo ‘sfogo’ del vice è di fatto uno sfogo di Conte, il quale invece aveva chiesto di non parlare più in conferenza e dopo le partite per evitare di incorrere in affermazioni ‘pericolose’. Il club aveva ‘accettato’ questa richiesta e quindi le dichiarazioni di Stellini sono state viste come una sorta di ‘tradimento’, di una voglia di andare allo scontro.

LEGGI ANCHE >>> CM.IT | Sampdoria, D’Aversa in pole per la panchina: le ultime

Calciomercato Inter, Allegri il preferito per il dopo Conte: ‘offerto’ Mihajlovic

Massimiliano Allegri
Allegri © Getty Images

Per il dopo Conte, il quale entro venerdì o massimo sabato dovrebbe chiudere definitivamente l’avventura all’Inter, il preferito è ovviamente Massimiliano Allegri col quale il passato agosto – prima di Villa Bellini – venne raggiunto un accordo di massima. Il suo arrivo sarebbe un ‘segnale’ che il progetto, almeno in qualche modo, potrà andare avanti. Rispetto all’anno passato, però, l’Inter arriva di rincorsa visto che sul tecnico livornese sono forti Real Madrid, sua prima scelta come vi raccontiamo da tempo, e Juventus. Altri nomi? Simone Inzaghi è il ‘piano B’, ma le quotazioni per il rinnovo con la Lazio sono in salita, affiancato da Maurizio Sarri che però non entusiasma del tutto per tanti motivi. Non a caso arriverebbe solo in situazione di emergenza. Circola pure il nome dell’ex Sinisa Mihajlovic e Paulo Fonseca, con il primo che è stato in realtà proposto all’Inter e che gode della stima dei dirigenti, soprattutto di Marotta.