Dimissioni Marotta: scelta fatta dopo le beffe di mercato

Delusioni dal mercato in casa Inter dopo i mancati arrivi di Dybala e Bremer: decisione presa sulle dimissioni di Marotta

La settimana per il mercato dell’Inter si è aperta con alcune delusioni. La prima relativa al mancato arrivo di Dybala, approdato ufficialmente alla Roma, la seconda legata a Bremer, che ha sostenuto le visite mediche alla Continassa ed è pronto a diventare ufficialmente un giocatore della Juventus.

Marotta dimissioni
Marotta e Zhang © LaPresse

Delusioni forti per la società e l’ambiente nerazzurro, che nel giro di poche ore ha visto sfumare due obiettivi importanti sul mercato. Per questo motivo abbiamo chiesto, attraverso un sondaggio pubblicato sulla nostra pagina Telegram, quale dovrebbe essere la prossima mossa dell’Ad nerazzurro Beppe Marotta dopo le critiche che hanno travolto lui e Zhang a seguito appunto dei mancati approdi di Dybala e Bremer in nerazzurro.

Sondaggio CM.IT, Marotta deve dimettersi

Il 40% dei votanti ha optato per le dimissioni. Secondo loro la scelta giusta da parte dell’Ad sarebbe quella addirittura di dimettersi e lasciare l’incarico. A ridosso, con il 39%, la scelta giusta da fare, da parte di Marotta, sarebbe quella di blindare subito Skriniar, corteggiato dal Paris Saint-Germain e indiziato a lasciare il club nerazzurro. Dalla cessione dello slovacco potrebbero infatti arrivare i fondi di cui l’Inter necessita. Una cessione che farebbe infervorare ancor più i tifosi, che hanno esposto uno striscione contro l’addio del difensore slovacco.

Sondaggio CMIT su dimissioni Marotta
Sondaggio CMIT

Molto più basse invece le percentuali legate alle altre opzioni. Il 17% ritiene che la prossima manovra da fare da parte dell’Ad sia quella di acquistare Milenkovic dalla Fiorentina. Il difensore serbo è stato accostato ai nerazzurri, ma anche alla Juventus, anche se l’ipotesi rinnovo con i viola non è da escludere. Solo il 4% ha invece ritenuto che Marotta debba compiere un’altra mossa che non sia tra quelle elencate.