La Juventus e de Ligt: cronistoria di una rottura

La storia tra la Juventus e Matthijs de Ligt, iniziata nell’estate del 2019, sembra avviata verso la conclusione: ecco cosa sta succedendo

La Juventus sta lavorando alacremente per consegnare all’allenatore Massimiliano Allegri tutti i pezzi di un puzzle che dovrà portare, come detto dallo stesso tecnico livornese, di nuovo alla vittoria.

La Juventus e de Ligt: cronistoria di una rottura
Matthijs de Ligt, 22 anni ©️ LaPresse

La stagione appena conclusa, infatti, si è chiusa senza nessun trofeo in bacheca per i bianconeri. Ed è la prima volta che succede sotto la presidenza di Andrea Agnelli. Adesso, la società torinese ha necessità di tornare ad essere competitiva e, per farlo, ha praticamente chiuso (manca l’ufficialità) per il grande ritorno di Paul Pogba e per Angel Di Maria, entrambi svincolati dopo la scadenza dei rispettivi contratti con Manchester United e Paris Saint-Germain. Ma c’è una situazione in uscita che agita, e non poco, il calciomercato della Juventus.

Stiamo parlando di Matthijs de Ligt. Il 22enne olandese arrivò nell’estate del 2019 dall’Ajax, dopo aver eliminato proprio la Juve di Cristiano Ronaldo nei quarti di finale di Champions League, ma in questi tre anni non ha convinto appieno con la maglia bianconera. Da un mese a questa parte, pare si stia andando nella direzione di un addio, complici anche alcune dichiarazioni che non sono piaciute ai piani alti del club torinese. Ma andiamo con ordine.

Juventus-de Ligt: tutte le tappe della rottura

5 Giugno 2022: all’olandese ‘Nos’, de Ligt rende pubbliche le prime crepe ufficiali con la Juventus. “Al momento sono in corso le trattative e quando sarà il momento deciderò se prolungare o se voglio guardare oltre. Guardo sempre a ciò che è meglio per me in termini di progetto sportivo. Il quarto posto consecutivo per due volte non basta, anche la Juventus lo sa. Dovremo fare dei passi in quella direzione”. A quei tempi, si parlava ancora di un possibile prolungamento contrattuale, l’attuale accordo è in scadenza nel 2024. Il giorno dopo, la nostra redazione indaga e scopre delle cose molto importanti: l’offerta fatta all’entourage del calciatore, guidato dall’avvocato Rafaela Pimenta, da parte della Juve è pari a 7.5 milioni di euro a stagione, bonus compresi.

Juventus-de Ligt: tutte le tappe della rottura
De Ligt, dal 2019 alla Juve ©️ LaPresse

Decisamente inferiore rispetto agli attuali 12 milioni che de Ligt percepisce. Ed ecco che si spiegano meglio le dichiarazioni del Nazionale olandese. Da quel momento in poi, con l’avvocato Pimenta che si occuperà anche della questione Pogba, nessun passo in avanti, anzi. Appare sempre più credibile, a questo punto, una possibile cessione del calciatore ed ecco le sirene inglesi: Manchester United, Manchester City e, soprattutto, Chelsea. A due anni dalla scadenza del contratto, con un accordo per il rinnovo che non arriva e le parole datate 30 giugno dell’amministratore delegato bianconero, Maurizio Arrivabene (“Impossibile trattenere chi se ne vuole andare”), la strada appare tracciata. I ‘Blues’ sono pronti ad aumentare il pressing e l’offerta (superiore a 70 milioni di euro), solo cash, e de Ligt a breve potrebbe imbarcarsi per Londra e salutare, dopo trentasei mesi, il campionato italiano.