Juve-Udinese, Cioffi ci scherza su: la battuta sul rigore non dato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:15

Il mister dell’Udinese, Gabriele Cioffi, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel post partita dopo la sconfitta sul campo della Juventus

Se la Juventus ha ritrovato vigore sceso per via del ko contro l’Inter a San Siro in Supercoppa, diverso è il discorso per l’Udinese. I friulani non sono riusciti a risollaversi dopo il tracollo con l’Atalanta e hanno raccolto un’altra sconfitta importante.

Juventus Udinese Cioffi
Cioffi © LaPresse

Mister Gabriele Cioffi ha rilasciato alcune dichiarazioni nel post partita, ai microfoni di ‘Dazn’. Il tecnico vede comunque il bicchiere mezzo pieno: “La squadra ha avuto un atteggiamento eccezionale visto come è arrivata a questa gara, sono molto soddisfatto. Dico grazie al mio staff, col suo aiuto ho potuto svolgere sessioni di lavoro a distanza e con l’uso della tecnologia. Ci è mancato coraggio nel primo quarto d’ora, non eravamo sciolti. Perciò abbiamo avuto poca lucidità nel proporre gioco. Poi, subito il gol, siamo entrati in partita e ci siamo fatti valere. Ma era inevitabile essere contratti e fuori forma considerando i soli due allenamenti di questa settimana“.

LEGGI ANCHE>>> PAGELLE e TABELLINO Juventus-Udinese | Dybala illumina, male Bernardeschi

Juventus-Udinese, Cioffi scherza su Soppy per il rigore non dato: “Magari gli faccio tagliare i capelli”

Juventus Udinese Cioffi
Cioffi © LaPresse

NUOVO PROTOCOLLO:Prendo atto di ciò che è stato deciso, noi cerchiamo di rispettare ciò che ci viene detto di fare. Determinati ruoli vanno riconosciuti, soprattutto perché ognuno avrà sempre il suo punto di vista differente“.

LEGGI ANCHE>>> Juventus-Udinese, Allegri: “Vi spiego il cambio di Kulusevski. Su Dybala…”

Cioffi, infine, si è lasciato andare ad una battuta sul mancato rigore per l’intervento di Bernardeschi su Soppy: “Io ho avuto la sensazione che gli avesse tirato i capelli. Però non voglio fare nessuna polemica. Se l’arbitro e il Var hanno deciso di non darlo, vuol dire che era la decisione giusta da prendere. Anche se rivedendolo magari gli faccio tagliare i capelli”.