Bufera Dybala: “Lì non serve a niente”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03

La sconfitta in Supercoppa Italiana ha posto qualche interrogativo ulteriore su Paulo Dybala. L’attaccante argentino non ha offerto una grane prova ed è finito nel mirino della critica 

KO al fotofinish per la Juventus nella Supercoppa Italiana giocata mercoledì sera a San Siro. Decisivo un gol di Alexis Sanchez al 120′ che ha regalato il primo trofeo stagionale ai nerazzurri. La compagine di Allegri si lecca invece le ferite e partono inevitabili giudizi e valutazioni sulla prova offerta dalla sua squadra sia nell’atteggiamento che nei singoli.

Dybala criticato: "Lì non serve"
Paulo Dybala © LaPresse

La Juventus ha infatti tenuto bene il campo, contenendo bene l’Inter nel momento di massima pressione ma era lecito aspettarsi qualcosa in più dalla fase offensiva, soprattutto nella seconda parte di gara, quando ha fatto il suo ingresso anche Paulo Dybala. L’argentino dopo l’ottima prova di Roma non ha offerto una prestazione indimenticabile a San Siro, mentre al di fuori del campo a tenere banco è sempre il suo futuro con tanto di rinnovo da trovare.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, cambia tutto all’improvviso | ‘Scelto’ Dybala per l’Inter

Juventus, Dybala nel mirino della critica: “Lì non serve”

Dybala criticato: "Lì non serve"
Dybala © LaPresse

La prestazione di Dybala e la situazione contrattuale ancora da definire tengono banco, e non sono inevitabilmente mancate le critiche vista la prova contro l’Inter. In particolare il giornalista Sandro Sabatini ai microfoni di ‘Radio Radio’ ha analizzato la situazione dell’argentino: “Dybala è il campione della Juve? Ma secondo voi è Allegri che gli dice di giocare male come ieri sera? Quando non trova respiro davanti, Dybala arriva a metà campo, fa un dribbling a centrocampo, si sente appagato e torna in attacco. Ma lì non serve a niente”.

LEGGI ANCHE >>> “Dybala? Il rinnovo è in alto mare”. L’annuncio che spaventa la Juventus

Sabatini ha quindi concluso: “Dybala è uno chiamato a muoversi senza palla, ricevere, girarsi e puntare l’avversario. Il suo miglior campionato lo fece con Allegri”. I tifosi della Juventus attendono quindi di rivedere la miglior versione della ‘Joya’, che intanto è grande protagonista anche in ottica futuro tra rinnovo e addio.