Fiorentina-Milan, Italiano: “Vittoria meritata. Se Vlahovic rimane così…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:59

Vincenzo Italiano è intervenuto ai microfoni del post partita di Fiorentina-Milan, dopo la vittoria: annuncio sul futuro di Vlahovic

Grande prestazione della Fiorentina contro il Milan. Gli uomini di Italiano, trascinati da un super Vlahovic, hanno affossato la squadra di Pioli, che assapora la sconfitta per la prima volta in questa Serie A. Il tecnico dei ‘Viola’ è intervenuto ai microfoni del post partita, dopo il successo ottenuto. Di seguito le parole rilasciate a ‘Sky’.

Fiorentina Milan Italiano Vlahovic
Italiano a Sky

DIFENSORI ADATTATI: “Eravamo in grande emergenza nella zona centrale. Perdere Nastasic, Milenkovic e Quarta per questa partita nonn era una delle cose più belle. Come avete detto, gli adattati si sono sacrificati e siamo riusciti a battere la capolista. Soffrendo anche, però sul 3-0 doveva finire, poi si è riparta. È stata una prestazione di grande sacrificio”.

PAURA BEFFA: “Sul 3-1 che riapre la partita. Dopo pochi minuti subire un gol del genere quando eravamo già indirizzati verso una partita più tranquilla, invece abbiamo sofferto. Bravo Dusan ad aver fatto il quarto gol. Ma credo che la vittoria sia stata meritata con questo sacrificio. Ibra è stato implacabile. Le volte scorse abbiamo giocato bene e non abbiamo raccolto niente, oggi siamo stati premiati”.

SODDISFAZIONE PIU GRANDE: “Qui a Firenze è stata la prima per me. Nell’ultima riunione ho detto ai ragazzi che ci stanno etichettando dicendo che non abbiamo attributi contro le grandi, era il momento di dimostrare l’opposto”.

VLAHOVIC: “È un calciatore destinato ad una carriera importante. Vederlo allenare è una cosa straordinaria, riporta tutto in partita. È destinato a fare una grande carriera se rimane così. In questo momento dà il massimo, sono felice per quello che ha fatto. Arrivava da una qualificazione con la Serbia, oggi era carico a pallettoni”.

ANCORA SU VLAHOVIC: “Ne ho parlato tantissime volte. Ora lui non pensa a nulla, solo a prepararsi per le partite. Lo vedete anche voi. Penso che lui adesso sia concentratissimo, perché sa che tutto passa dalle sue prestazioni. Il tocco sul cuore durante l’esultanza? Con quel gesto penso voglia dire di essere molto concentrato. È un grande professionista. Non dimentichiamo che è un 2000, ma sembra già un veterano”.

SAPONARA: “È un ragazzo particolare, bisogna cercare di stimolarlo, utilizzando le parole giuste. Ora forse riusciamo a coinvolgerlo, a farlo sentire importante. Sono contento che gli ho tirato fuori il fuoco che forse si stava spegnendo in lui. Adesso è un valore aggiunto. Averlo con questa testa è un vantaggio per noi”.

LEGGI ANCHE>>> Fiorentina-Milan, Pioli trova il ‘problema’: “Impareremo la lezione”

Fiorentina-Milan, Italiano a DAZN

Fiorentina Milan Vlahovic Italiano
Italiano © LaPresse

Le parole di Italiano a ‘Dazn’.

LA GARA: “Una partita intensa, dai ritmi elevati. Ci tenevamo a far bene con una grande, visto che con Inter e Napoli abbiamo fatto zero punti. Non volevamo passare per le squadra che non fa punti con le corazzate. eravamo in piena emergenza ma la squadra ha fatto qualcosa di incredibile, è stata una vittoria meritata, abbiamo sofferto. Sul 3-0 dovevamo amministrare meglio”.

LEGGI ANCHE>>> PAGELLE E TABELLINO DI FIORENTINA-MILAN 4-3 | Ibra a due facce, Gabbia disastroso! Super Vlahovic

CORAGGIO: “Le partite le affrontiamo sempre con coraggio, con personalità, oggi abbiamo fatto la stessa cosa. L’obiettivo è sempre quello. I ragazzi sanno come si affrontano le partite. Oggi siamo stati anche fortunati”.

SAPONARA: “E’ un ragazzo particolare, devi trovare sempre le giuste parole, farlo rendere partecipe di tutto. Ma quando risvegli il fuoco che ha dentro, Ricky è capace di queste giocate”.

VLAHOVIC: “La sua forza è come arriva durante gli allenamenti. Arriva sempre concentrato, a mille allora, sa l’importanza degli allenamenti e quindi in partita tira fuori queste prestazioni. Parliamo di un ragazzo giovanissimo ma se continua così è destinato ad una grande carriera. Arrivata dalla qualificazione ai Mondiali ed era gasatissimo”.