Intrigo Donnarumma, la doppietta italiana che spaventa la Juventus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:53

Antonio Conte e Fabio Paratici sono pronti ad approfittare del momento non facile che sta attraversando il calciatore. Difficile un approdo alla Juve

Non è certo un momento facile per Gianluigi Donnarumma. La vittoria, da protagonista, dell’Europeo con la maglia della Nazionale italiana, è ormai solo un ricordo. L’approdo al Psg, dopo l’addio al Milan, non è stato dei più semplici.

Donnarumma, tra Tottenham e Juve
Gianluigi Donnarumma ©LaPresse

LEGGI ANCHE >>> Uragano Marotta, Juventus e Milan li perdono a zero

Il classe 1999 sotto la Torre Eiffel non è più un titolare come è sempre stato nella sua vita calcistica e deve sgomitare con Keylor Navas per giocare dal primo minuto. Donnarumma quando è stato chiamato in causa si è reso protagonista di grandi pare ma non sono mancati gli errori. In Nazionale ha il posto assicurato ma le prestazioni non sono state all’altezza dell’Europeo. E’ evidente, come ammesso dallo stesso portiere, che non giocare sempre non lo stia aiutando.

Finché il Psg avrà in rosa Navas, la situazione potrebbe non mutare. Chissà che Donnarumma e Mino Raiola non decidano di cambiare nuovamente aria. La Juventus continua ad essere, molto probabilmente, la squadra più interessata ma senza l’addio di Szczesny un suo trasferimento a Torino, appare poco probabile.

LEGGI ANCHE >>> ‘Bufera’ Donnarumma | Dalla Francia: la scelta è stata fatta

Idea per il dopo Lloris

Donnarumma, la Juve lo aspetta
Gianluigi Donnarumma ©LaPresse

LEGGI ANCHE >>> Tutto deciso: rottura con Raiola e addio alla Juventus

Per la Juventus, adesso, rispetto alla scorsa estate, ci sarebbe da pagare il cartellino. Se l’avventura al Psg dovesse fallire, sarebbe più facile immaginare Donnarumma in Premier League. Attenzione così al Newcastle, che è pronto a ribaltare le gerarchie del mercato, ma soprattutto al Tottenham. Paratici lo stima parecchio e l’avventura di Lloris è ormai al capolinea. Donnarumma potrebbe rappresentare la giusta scelta, con un Tottenham che sarebbe sempre più italiano.