CM.IT | Inter e Cagliari al lavoro per Nandez: la formula

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:30

Nahitan Nandez, polivalente calciatore del Cagliari, è finito nel mirino dell’Inter di Simone Inzaghi: ecco la situazione

Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Sono giorni decisamente caldi, bollenti, in casa Inter e non certo per questioni metereologiche. Dopo l’addio ad Antonio Conte, ieri è stato il giorno dell’ufficializzazione dell’ingaggio del nuovo allenatore, Simone Inzaghi, che guiderà l’Inter con lo Scudetto sul petto. Della rosa attuale, sicuramente qualcuno verrà sacrificato sull’altare dei conti, con la società nerazzurra che ha bisogno di ingresso di denaro fresco per rimpinguare le casse. Oltre a quello di Hakimi, trattativa in corso col Paris Saint-Germain, l’altro nome caldo è quello di Lautaro Martinez, con l’Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone che non molla la presa. Ma non solo mercato in uscita: come detto nei giorni scorsi, l’amministratore delegato Beppe Marotta e il direttore sportivo Piero Ausilio sono al lavoro su un obiettivo ben definito. Stiamo parlando di Nahitan Nandez. Il polivalente centrocampista, protagonista della salvezza del Cagliari, è finito nel mirino dell’Inter, col Leeds che osserva la situazione.

LEGGI ANCHE>>>ESCLUSIVO | Gaston Silva: “Tornerei in Italia. Nandez in una big. Messi o CR7? Non ho dubbi”

Calciomercato Inter, Nandez obiettivo concreto: si studia la formula

E secondo le ultime indiscrezioni raccolte da Calciomercato.it, oggi in Sardegna si è presentato anche l’entourage del calciatore per approfondire la questione. All’interno del contratto di Nandez è presente una clausola rescissoria pari a 36 milioni di euro, cifra che l’Inter difficilmente verserà nelle casse del Cagliari. Si studiano, dunque, tutte le opzioni per arrivare alla quadratura del cerchio. In primis, le contropartite, con Radja Nainggolan come primo nome, ma anche diversi giovani del vivaio meneghino. In secondo luogo, la formula dell’eventuale trasferimento: si ragiona su un prestito biennale con riscatto obbligatorio, così da spalmare la spesa su più esercizi e non gravare sulle casse pesantemente in una sola annata.