Juventus, le proteste di Ronaldo e Paratici contro l’Udinese | Spunta il retroscena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:23
Juventus, Ronaldo e Paratici contro l'arbitro | Il retroscena sulle proteste
Cristiano Ronaldo © Getty Images

La Juventus ieri è riuscita a trovare tre punti importanti contro l’Udinese. Spunta un nuovo retroscena, però, su quanto successo a fine primo tempo: Cristiano Ronaldo e Fabio Paratici protagonisti



La Juventus ha sfidato l’Udinese in un match particolarmente importante per la corsa alla prossima Champions League. Gli ospiti alla fine sono riusciti ad avere la meglio con il punteggio di 1-2, ma non tutto è stato semplice per la Vecchia Signora. Infatti, i torinesi sono passati in svantaggio per colpa dell’ennesima disattenzione difensiva nei primi minuti di gioco: il gol di Molina ha fin da subito complicato le cose, ma il finale è stato a favore di Andrea Pirlo. Il tecnico è riuscito a conquistare i tre punti proprio al respiro finale, grazie a un grande Cristiano Ronaldo.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, annuncio su Haaland | Deciso il suo futuro

Dopo una prestazione decisamente opaca, infatti, il portoghese ha realizzato una spettacolare doppietta che ha sancito la vittoria in rimonta dei suoi.  A fine primo tempo, però, la tensione era particolarmente alta e riguardava proteste cocenti da parte della Juventus nei confronti del direttore di gara Chiffi. Ora spunta un nuovo retroscena su quanto accaduto. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YOUTUBE.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, si spalanca la porta Zidane: “Si dimette”

Juventus il retroscena sulle proteste di Ronaldo e Paratici: ecco il motivo

Come vi abbiamo riportato in diretta durante la partita di ieri, infatti, le proteste dei bianconeri sono state forti allo scadere del 45esimo minuto di gioco. Ora sappiamo di più anche sul motivo delle proteste, riportato da Graziano Cesari durante Pressing su Italia 1. Infatti, il tabellone principale, secondo i bianconeri, sarebbe stato indietro rispetto a quello a bordo campo. Per questo la sensazione era che si fosse giocato meno. Non proprio bene per la Juventus che doveva rimontare il risultato in un momento decisivo della stagione.