Juventus, piano Champions | Da Pirlo a Dybala e Ronaldo, cosa cambia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:06

La vittoria contro il Napoli rilancia le quotazioni Champions della Juventus: da Pirlo e Dybala cosa cambia per il futuro

La Juventus risorge contro il Napoli: Ronaldo e Dybala firmano una vittoria che rasserena il clima in casa bianconera e rappresenta una boccata d’ossigeno per Pirlo. Il tecnico, nonostante le dichiarazioni di facciata e la volontà della società di andare avanti con lui fino al termine della stagione, sarebbe stato immediatamente in caso di risultato negativo contro gli azzurri. La Juventus, invece, ha tirato fuori una prestazione importante, portando a casa tre punti fondamentali in ottica Champions. Dal rischio di ritrovarsi quinta, la formazione piemontese è balzata al terzo posto ed ora l’obiettivo di centrare la qualificazione alla più importante competizione europea sembra più vicino. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube 

Ovviamente servirà dare seguito alla prestazione contro il Napoli, ma i segnali positivi non mancano: dal ritrovato Dybala al mai sazio Ronaldo, senza dimenticare Chiesa che vive un momento d’oro. Il piazzamento tra le prime quattro avrà risvolti anche sui piani futuri: da Pirlo a Dybala e Ronaldo, cosa cambia nel calciomercato della Juventus con la qualificazione in Champions League.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, addio bomber | Decisione presa

Pirlo
Pirlo © Getty Images

Calciomercato Juventus, Pirlo in bilico: la Champions per la conferma

Paratici lo ha ribadito ieri: la Juventus vuole andare avanti con Pirlo, come spiegato anche da Nedved in una recente intervista. Il progetto bianconero vede il tecnico al centro, ma ovviamente i risultati decidono le sorti di ogni allenatore. Così l’eventuale mancata qualificazione in Champions potrebbe portare ad un cambio di piano improvviso. Lo stesso che potrebbe esserci anche in caso di piazzamento tra le prime quattro. Pirlo non sarebbe certo della conferma neanche con la Champions.

Le riflessioni sono in corso e riguarderanno, oltre che al posizionamento finale, anche il modo in cui la squadra affronterà le restanti 9 partite di campionato e la finale di coppa Italia. Serve un segnale per stabilizzare la posizione di Pirlo. In caso di addio c’è la candidatura di Allegri, intrecciata con il futuro di Sarri e della panchina della Roma, come raccontato da Calciomercato.it. Tutto è ancora in divenire come è in divenire il futuro di molti calciatori della rosa.

LEGGI ANCHE >>> CMIT TV | Calciomercato Juventus, Gamba: “Dybala può finire fuori rosa”

Ronaldo
Cristiano Ronaldo © Getty Images

Calciomercato Juventus, da Ronaldo a Dybala: chi va e chi resta

Tra i calciatori che sono sospesi ci sono anche pezzi da novanta. Chiaro il riferimento, ad esempio, a Cristiano Ronaldo che spinge per il ritorno al Real Madrid. Una voglia che senza Champions diventerebbe ancora più forte. La squadra spagnola, però, ha chiesto tempo con Florentino Perez che ha messo in cima alle sue preferenze Mbappè. Solo se non dovesse essere possibile arrivare al francese, ci sarebbe una possibilità per il Ronaldo bis con la Juventus che davanti ad un’offerta congrua non ostacolerebbe l’addio.

Posizione in bilico anche per Paulo Dybala. La trattativa per rinnovare il contratto in scadenza nel 2022 è ferma e al momento l’argentino è concentrato sul campo. Lì dove è tornato ieri con un gol dei suoi, dimostrando di poter fare ancora la differenza. Serve continuità ora, la stessa che potrebbe portare anche ad un riavvicinamento tra le parti. Dopo le lacrime della scorsa settimana, Dybala è tornato a sorridere e chissà che non possa anche tornare centrale nei progetti futuri della Juve.

Lì dove non c’è, ad esempio, Ramsey: la partenza del gallese aprirebbe la strada a Calhanoglu, come raccontato dalla nostra redazione. Il turco però ha in cima alle sue priorità il rinnovo con il Milan e soltanto se l’accordo non fosse possibile, considererebbe l’eventuale proposta bianconera. Tutto in divenire perché prima deve essere il campo a dare il suo verdetto. E la presenza (o meno) nella prossima Champions non è un aspetto secondario nel destino della Juventus.