Inter, l’eliminazione Champions cambia il calciomercato | Conte ora è al bivio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:05
conte inter calciomercato
Conte (Getty Images)

Le conseguenze dell’eliminazione dalla Champions sul calciomercato dell’Inter e il futuro di Antonio Conte in nerazzurro

Fuori dalla Champions, niente ripescaggio in Europa League. La notte dell’impresa per l’Inter si è trasformata nella notte del fallimento. Totale quello dei nerazzurri in Europa dove la squadra di Conte non è mai stata in grado di competere realmente con gli avversari. Eppure alla vigilia della sfida contro lo Shakhtar, preoccupazioni per il biscotto a parte, le premesse per compiere il miracolo (dopo un inizio di girone decisamente negativo) c’erano tutte. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

Gli ucraini erano stato disintegrati appena quattro mesi fa in semifinale di Europa League e una vittoria, visto anche il risultato del Real, sarebbe valsa la qualificazione agli ottavi. Invece è arrivato uno 0-0 che significa fine dell’avventura europea per quest’anno. Un’eliminazione che cambia per forza di cose anche il futuro prossimo e remoto della società nerazzurra: vediamo quindi come cambia il calciomercato di gennaio dell’Inter e quanto incide l’eliminazione dalla Champions sul futuro di Antonio Conte.

LEGGI ANCHE >>> Inter, polemica Conte-Capello: “Non lo sopporta”

lukaku inter calciomercato
Lukaku (Getty Images)

Calciomercato Inter, vice Lukaku più lontano: ‘certezza’ Eriksen

I mancati introiti degli ottavi di Champions andranno ad incidere anche sulle strategie dell’Inter sul calciomercato. Meno soldi, meno impegni e anche meno calciatori necessari per affrontare il resto della stagione. Così alcuni acquisti che potevano essere ipotizzati a gennaio, verranno meno, salvo occasioni molto low-cost. Un esempio è quello del vice-Lukaku.

Pinamonti da questo punto di vista non dà garanzie e servirebbe un uomo in grado di far rifiatare il belga. Con il solo campionato da affrontare (la Coppa Italia pur arrivando in finale sarebbero ‘solo’ cinque partite in più), si può pensare anche di andare avanti così. Come potrebbe non esserci nessun intervento anche a centrocampo, nonostante la continua emergenza nel reparto. Lo stesso che però presenta una delle ‘certezze’ del calciomercato: l’addio di Eriksen.

Il danese è ormai in rotta con Conte, come testimoniato dalla gara di ieri quando il tecnico ha preferito mandare in campo un Barella acciaccato. Oltre 90 presenze, 15 gol e 23 assist nelle coppe europee non sono serviti a convincere l’allenatore in un match da dentro o fuori. L’ex Tottenham ora vuole l’addio e l’Inter è pronta anche ad ascoltare offerte per il prestito.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Inter, Conte fa ‘ricca’ la Juventus | Che perdite dopo l’eliminazione!

eriksen inter calciomercato conte
Christian Eriksen (Getty Images)

Calciomercato Inter, obiettivo Scudetto: l’unica salvezza per Conte

Dal mercato di gennaio al futuro più lontano, quello che va oltre questa stagione. Proprio alla fine del campionato l’Inter sarà chiamata a valutare la posizione di Antonio Conte. Il ricco ingaggio del tecnico salentino lo ha messo al riparo finora da un esonero che, con altre cifre, sarebbe diventata opzione concreta. Troppi i 12 milioni di stipendio garantiti all’ex Juventus per pensare ad un ribaltone a stagione in corso (salvo clamorose debacle), ma a fine anno – quando il bilancio sarà alleggerito dall’ingaggio di Spalletti – la situazione cambierà.

Senza la vittoria dello scudetto, immaginarsi Conte anche il prossimo anno sulla panchina nerazzurra è davvero difficile. Anche perché nel mercato ‘estivo’ le richieste del tecnico sono state esaudite: Vidal, ad esempio, è un suo ‘pallino’, come Kolarov, e finora hanno reso ben al di sotto delle aspettative. Anche con Eriksen, il club sta cercando di accontentare il tecnico che però a fine stagione dovrà portare i risultati. Saranno loro a definire il futuro di Conte. Alla finestra c’è Massimiliano Allegri, nel mirino anche dell’Arsenal, il tecnico che lo ha sostituito anche alla Juventus: uno capace di vincere gli scudetti, ma anche di arrivare in fondo in Champions. Quello che a Conte anche quest’anno non è riuscito.