Milan, cessione club: Allegri e il Diavolo targato Louis Vuitton | Tutti i nomi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:09

Calciomercato Milan, tornano le voci di cessione del club ad Arnault e al gruppo Louis Vuitton: Allegri e Braida in sella, tutti i nomi di mercato

Si entra in un mese di luglio fondamentale per il futuro del Milan. Sul campo, i rossoneri si giocano l’accesso alla prossima edizione dell’Europa League, con la squadra di Pioli al settimo posto e in piena corsa. Le sfide con Lazio, Juventus e Napoli, nei prossimi giorni, diranno molto sulle prospettive del Diavolo. Dal punto di vista societario, si torna a parlare di una possibile cessione del club. Ritorna in particolare in auge il nome di Bernard Arnault e quello del gruppo Louis Vuitton, di cui si era già vociferato nel passato più o meno recente. Ai microfoni di Calciomercato.it, Marcel Vulpis ha spiegato la difficoltà della cessione del Milan. Situazione comunque da monitorare, con l’edizione odierna di ‘Repubblica’ che rilancia su un possibile incontro, a breve, tra Arnault e Gordon Singer che potrebbe stravolgere il futuro del club. Facciamo il punto sul possibile nuovo volto del Milan, a partire dai nomi di Braida e Allegri, con le eventuali mosse sul mercato. Tutte le news di calciomercato e non solo: CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE >>> Spal-Milan, Ibra c’è: cambi per Pioli

Calciomercato Milan Allegri
Massimiliano Allegri @ Getty Images

Calciomercato Milan, ritorno al passato: in pole Allegri e Braida

Il summit tra il leader del gruppo Elliott e il tycoon francese potrebbe avvenire non nell’immediato, ma di qui a qualche settimana. Il rinnovato interesse di Arnault per il Milan, stando sempre a ‘Repubblica’, si concretizzerebbe sulla volontà di associare al proprio marchio il brand del club italiano più titolato, in una città strategica per il mondo della moda e del lusso. Anche l’apertura del Comune di Milano al nuovo stadio, con annessi spazi commerciali da riempire, giocherebbe una parte importantissima. La cifra di acquisto resterebbe valutata intorno al miliardo di euro, con nomi importanti dal passato: quello di Ariedo Braida come direttore sportivo e quello di Massimiliano Allegri in panchina. Nomi che manifesterebbero una volontà di rilancio in grande stile piuttosto chiara da parte del Diavolo, che potrebbe puntare nuovamente alle vette del calcio italiano ed europeo con un progetto di ampio respiro finanziario.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, Rebic ha convinto: Gazidis accelera | Incontro con l’Eintracht

Calciomercato Milan Ibrahimovic
Ibrahimovic (Getty Images)

Calciomercato Milan, da Ibrahimovic a Thiago Silva: i nomi per il nuovo ciclo

La nostra redazione, già qualche mese fa, aveva ipotizzato i nomi del nuovo Milan targato Allegri. Non è un mistero che il tecnico livornese chiederebbe garanzie tecniche adeguate e nomi con la sufficiente esperienza per il suo ciclo bis a Milanello. Va da sé, che si dovrebbe cominciare dalle conferme dei giocatori più importanti della rosa attuale. Zlatan Ibrahimovic, ma non solo. Con una nuova proprietà, potrebbero riprendere vigore e credibilità le trattative per i rinnovi di contratto di Gianluigi Donnarumma e di Alessio Romagnoli. Innanzitutto da loro, dovrebbe ripartire il nuovo Diavolo. Con operazioni importanti da mettere a segno nel mercato in entrata. Partirebbe certamente l’assalto per il grande ritorno anche di Thiago Silva, svincolato dal Psg e con la volontà di mettersi ancora in gioco in Europa. Ai nostri microfoni, in esclusiva, l’agente di Thiago Silva aveva già aperto alla possibilità di un ritorno al Milan. Tra i nomi principali della campagna acquisti, potrebbero poi rientrare due grandi ex di Allegri. Parliamo di Blaise Matuidi e Federico Bernardeschi, il cui futuro alla Juventus è piuttosto incerto. Il francese garantirebbe un plus di dinamismo ed esperienza a centrocampo, l’esterno cercherebbe il rilancio e di mettersi in luce in vista dei prossimi Europei.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Calciomercato Milan, non solo Jovic: altro nome dal Real Madrid

Calciomercato Milan, il piano per trattenere Donnarumma: bonus e clausola