Zhang tira fuori il jolly: l’accordo per tenersi l’Inter

Steven Zhang vuole tenersi stretta l’Inter e studia una nuova soluzione in vista della scadenza del prestito con Oaktree

L’Inter vola in campionato e in Champions League. La squadra di Simone Inzaghi vede la seconda stella visto il rassicurante vantaggio sulle inseguitrici e ha messo un mattone importante anche verso l’accesso a quarti della massima competizione europea.

Inter, scelta Zhang
Steven Zhang (LaPresse) – Calciomercato.it

Atletico Madrid battuto di misura al Meazza, ma con la consapevolezza di avere tutte le carte in regola per il passaggio del turno. Risultati e bel gioco per l’undici nerazzurro, che nel 2024 ha ottenuto solo vittorie: 9 successi in altrettante gare in tutte le competizioni e la Supercoppa Italiana messa nuovamente in bacheca. L’Inter parallelamente lavora intanto per costruire la squadra della prossima stagione, oltre ovviamente per chiudere i rinnovi dei big Lautaro Martinez e Barella. Marotta e Ausilio hanno praticamente definito gli arrivi a parametro zero di Zielinski e Taremi, che dal prossimo luglio andranno ad arricchire la rose di Inzaghi.

Inter, la soluzione di Zhang: rinnovo del prestito con Oaktree

La cessione ‘eccellente’ potrebbe riguardare invece Dumfries, sempre più lontano dal rinnovo di contratto con i nerazzurri.

Inter come la Juve "Da Tribunale"
Marotta e Zhang (Ansa) – Calciomercato.it

La dirigenza di Viale della Liberazione spera di incassare tra i 20 e i 25 milioni di euro, intanto grazie ai ricavi dalla Champions e da botteghino respirano le casse di Steven Zhang. Sulla proprietà pesa la spada di Damocle sulla scadenza del prestito da Oaktree, fissato nel mese di maggio a 385 milioni di euro. Zhang, che manca dall’Italia dallo scorso giugno, sembra però aver trovato la soluzione anche per allontanare un eventuale cessione: rinnovo del prestito per altri due anni (fino quindi al 2026) e nessun rifinanziamento. La proprietà cinese sta lavorando con gli advisor Goldman Sachs e Raine Group su questa soluzione, con la somma finale per estinguere il debito che evidentemente sarà più alta rispetto ai quasi 400 milioni della deadline fissata per la prossima primavera.

Impostazioni privacy