CM.IT | Cioffi-Verona, Zanetti verso l’Udinese: le ultime sul valzer delle panchine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:33

Le ultime della redazione di CM.IT sulle panchine di Serie A: l’ex Udinese verso il Verona, con Zanetti vicino ai friulani

Comincia a formarsi la nuova Serie A delle panchine. La conferma di Sinisa Mihajlovic al Bologna chiude un rubinetto perché in quella direzione guardavano in parecchi cercando di capire quali fossero le intenzione del tecnico serbo, al di là delle decisioni del Bologna. Mihajlovic ha ricominciato a combattere la battaglia più importante, personale, ma non ha mai smesso di mantenere strettissimo il rapporto con il campo e con la squadra. La forza straordinaria dell’uomo va di pari passo con quella dell’allenatore appassionato.

CM.IT - Cioffi-Verona, Zanetti verso l'Udinese: le ultime sul valzer delle panchine
Gabriele Cioffi © LaPresse

A Verona Igor Tudor è in uscita: non c’è uniformità di vedute con la società, il tecnico croato dopo questa stagione che per gli scaligeri deve essere considerata molto positiva. Ma con il presidente Setti, carattere altrettanto forte, evidentemente si è incrinato qualcosa quando è stato affrontato il tema della programmazione.

In questo momento per Tudor non sembrano esserci spazi utili in Italia: la fotografia della Serie A con Gasperini che sembra più confermato a Bergamo di quanto non facessero credere certe sue dichiarazioni, chiude la strada verso l’Atalanta dove Tudor avrebbe ritrovato Tony D’Amico, il suo direttore a Verona. Si parla di Galatasaray per Tudor, non è l’unica opzione all’estero. Mentre voci accreditate, ma a tono molto basso, dicono che Tudor sia entrato nei radar della Juventus (sarebbe più corretto dire sia tornato, dopo l’anno da vice di Pirlo): una sorta di appuntamento con il futuro.

Cioffi al Verona per il dopo Tudor, per l’Udinese c’è Zanetti

CM.IT - Cioffi-Verona, Zanetti verso l'Udinese: le ultime sul valzer delle panchine
Paolo Zanetti © LaPresse

A Verona arriverà Gabriele Cioffi, che inizia il suo decollo in Serie A dopo l’anno da vice di Gotti e Udine e la stagione appena conclusa vissuta molto positivamente dalla squadra friulana, che ha addirittura chiuso con il botto facendo tremare Salerno che si giocava la salvezza e che alla fine è riuscita ad ottenerla nonostante il 4-0 dei bianconeri all’Arechi domenica: il dodicesimo posto a tre punti da Sassuolo e Torino è un piazzamento di tutto rispetto.

Cosa accadrà ad Udine? E’ atteso Paolo Zanetti, che era stato esonerato dal Venezia poi retrocesso, ma che pure in questa stagione, soprattutto nella prima parte, aveva fatto vedere buonissime cose a livello di idee applicate al calcio dei lagunari. Poi si sa che restare in A non è mai facile per una neopromossa. Ma Zanetti – molto apprezzato anche dal Parma – si è costruito una buona reputazione che ora potrà far valere in un laboratorio virtuoso come Udine.