CM.IT | La Juventus prova il tutto per tutto per Pogba: ecco la mossa per il sì

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:16

Giornata capitale per la Juventus, che sogna il ritorno di Pogba: bianconeri che accelerano per il francese, la mossa del club

Giornata di emozioni forti, in casa Juventus. Stasera allo Stadium, il match contro la Lazio, ininfluente in termini di classifica, non potendo i bianconeri né migliorare né peggiorare il quarto posto, ma in cui ci sarà il saluto a due colonne delle vittorie di questi anni come Giorgio Chiellini e Paulo Dybala.

ULTIME CM.IT | La Juventus prova il tutto per tutto per Pogba: ecco la mossa per il sì
Paul Pogba © LaPresse

Prima, invece, la società proverà a mettere le basi per il ritorno di un’altra leggenda. La Juventus vuole scongiurare l’assalto finale del Psg per Pogba, come raccontato da Calciomercato.it, e prova a fare la sua mossa. Come emerso e confermato dalle notizie di questi giorni, a Torino c’è l’avvocatessa Rafaela Pimenta, storico braccio destro di Mino Raiola, per trattare il futuro del francese, in uscita dal Manchester United.

Juventus, oggi il summit per Pogba: ecco la chiave

ULTIME CM.IT | La Juventus prova il tutto per tutto per Pogba: ecco la mossa per il sì
Paul Pogba © LaPresse

Se ne facciamo una questione di disponibilità economica, non ci sarebbe partita con le cifre che potrebbe mettere sul piatto il Psg. Ma Pogba ha aperto – in realtà, non ha mai chiuso – al ritorno a Torino, da’ la priorità all’Italia ed è disposto a ridursi sensibilmente l’ingaggio. E’ vero anche che la Juventus non può spingersi oltre una certa soglia, ma su quella gioca la sua partita. Lo stato delle cose, a quanto appreso dalla redazione di Calciomercato.it, è il seguente. Il Psg intende offrire a Pogba un contratto da 12 milioni di euro a stagione. Juventus invece al momento ferma al ‘tetto Vlahovic‘ da 7 milioni, ma con la possibilità di provare ad alzare un po’ la parta fissa e soprattutto i bonus, per arrivare a un totale intorno ai 10 milioni. Il vantaggio, per i bianconeri, sarebbe soprattutto quello di poter usufruire del decreto Crescita, che abbasserebbe l’impatto lordo del contratto del francese.