Inter-Dybala, arriva l’ammissione di Marotta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:24

Giuseppe Marotta fa un’ammissione su Paulo Dybala, prossimo all’addio alla Juventus: le parole dell’amministratore delegato dell’Inter

Giuseppe Marotta torna a parlare di Paulo Dybala all’Inter e lo fa alla vigilia della finale di coppa Italia che vedrà proprio la Juventus con la Joya in campo contro i nerazzurri.

Marotta
Marotta © LaPresse

L’amministratore delegato a ‘Sky Sport’ ammette: “A mio giudizio è un ottimo calciatore ed è svincolato. E’ appetibile a molti club. Il nostro attacco è di grande qualità con cinque giocatori che ci hanno permesso di essere la squadra che ha segnato di più. Non abbiamo quindi particolari problemi da questo punto di vista ma nonostante ciò apprezzo le qualità di Dybala“.

Dall’argentino al mercato in generale: “Inzaghi è un allenatore bravissimo e giovane. C’è un gruppo di giovani e meno giovani che rappresentano un qualcosa di positivo. Ora dobbiamo puntellare questo gruppo nel modo migliore e cogliere le opportunità. In Italia non si può pensare che una società faccia investimenti pesanti. Servirà un lavoro parsimonioso negli investimenti, trovando calciatori funzionali ad una squadra già strutturata”.

Calciomercato Inter, Marotta sul rinnovo di Perisic

Perisic
Perisic © LaPresse

E in tema di squadra già strutturata, tiene banco anche la questione rinnovo di Perisic, altro calciatore in scadenza a giugno. “Non siamo al match point – spiega Marotta – ma se lui vuole restare, noi vogliamo accontentarlo. Questo non significa elargire somme, bisogna essere parsimoniosi. Diciamo che sono fiducioso che il matrimonio possa rinnovarsi”. Inevitabile in tema mercato parlare di Haaland al City: “C’è amarezza perché il calcio italiano non è più competitivo come una volta: ora è il calcio inglese il più ricco e competitivo”.

E sulla finale di coppa Italia: “La squadra si trova per la prima volta a dover convivere in contemporanea con due realtà molto forti, campionato e coppa Italia, che ci giochiamo in 10 giorni. La tensione è normale, ma ho visto un clima sereno e la motivazione di regalare ai tifosi qualcosa di straordinario”.