Milan, il nuovo corso riparte dall’attacco: tris caldissimo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:45

Il Milan si lancia nel futuro, dopo il closing per la nuova società verranno colpi di mercato importanti: tre piste per l’attacco

Le prossime settimane saranno fondamentali per il futuro del Milan, in campo e fuori. Sul terreno di gioco, ultime giornate di campionato al cardiopalma, con un duello serratissimo con l’Inter che a Milanello sperano si risolva nella vittoria dello scudetto, per la prima volta dopo 11 anni, pareggiando i conti con i cugini a quota 19 nell’albo d’oro. E fuori, a livello, societario, con l’acquisizione da parte del fondo Investcorp per avviare un nuovo ciclo.

Milan, il nuovo corso riparte dall'attacco: tris caldissimo
Paolo Maldini e Ricky Massara © LaPresse

Niente spese folli, sul mercato, continuando a perseguire il mantra della sostenibilità, ma, di certo, una possibilità di spesa che dovrebbe aumentare non di poco. E che può far sognare i tifosi in un mercato importante, non faraonico magari ma fatto di tanti acquisti di spessore e funzionali alla crescita della rosa di Pioli. Con alcune operazioni già impostate, come l’arrivo di Origi, il cui accordo è a un passo, o come la trattativa per Botman, che si potrebbe chiudere entro quindici giorni, con l’intreccio con il Real Madrid e con Mendes per Asensio sullo sfondo, la nuova proprietà potrebbe bagnare il suo esordio sul mercato con alcune importanti operazioni in attacco.

Milan, rilancio per Berardi e non solo: il casting per la fascia destra

Milan, il nuovo corso riparte dall'attacco: tris caldissimo
Domenico Berardi © LaPresse

La ‘Gazzetta dello Sport’ conferma i contatti già avviati per Domenico Berardi con il Sassuolo, la valutazione di 30 milioni non spaventa, alla luce del fatto di poter incrementare il valore del giocatore. C’è anche la suggestione Mahrez, a stuzzicare, anche se per l’algerino ci sono due fattori da considerare, nonostante la scadenza del contratto nel 2023 che potrebbe agevolare l’addio al Manchester City. Ossia, la sua età (31 anni) e l’esborso da 40 milioni non ammortizzabile nel medio termine, mentre l’ingaggio (6 milioni), con il vento nelle vele di Investcorp, potrebbe essere abbordabile. Tutto questo, spiega ‘Tuttosport’, potrebbe spingere a puntare su De Ketelaere del Bruges. Stesso prezzo per il cartellino, ma giocatore giovanissimo e dunque futuribile anche dal punto di vista della sostenibilità economica.