Juventus, clima tesissimo negli spogliatoi: rivelazioni shock

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15

Juventus, clima tesissimo negli spogliatoi dopo la sfida contro il Napoli: parole di fuoco tra i giocatori

Doveva essere la gara della svolta che poteva portare i primi tre punti dell’anno in casa Juventus. Alla fine il pari ottenuto contro un Napoli rimaneggiato ha lasciato non poco amaro in bocca nelle fila bianconere. Dopo l’1-1 contro i partenopei, pare che gli animi si siano piuttosto scaldati e il clima nello spogliatoio juventino sembra essersi fatto rovente.

Juventus, lite negli spogliatoi
Juventus ©LaPresse

Lo sottolineano dall’Inghilterra, con il ‘Daily Mail’ che riferisce come tra i giocatori bianconeri siano volate parole grosse. In particolare sembra che Federico Chiesa e Matthijs de Ligt se la siano presa con Adrien Rabiot. Il francese è stato pesantemente richiamato e accusato dai due compagni, reo di non aver svolto al meglio i compiti di copertura. L’olandese pare lo abbia ripreso anche successivamente in maniera animata invitandolo ad alzare il proprio baricentro di gioco. A poco dunque sembra che siano servite le parole di Allegri, che ha elogiato lo spirito battagliero e competitivo dei suoi giocatori.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, idea Muriel in attacco | Le condizioni dell’affare

Juventus, clima teso: Chiesa e de Ligt contro Rabiot

Pare però che le parole di Chiesa e de Ligt nei confronti di Rabiot siano state piuttosto forti. Ma il giocatore italiano sarebbe stato coinvolto anche in un alterco dialettico con un altro compagno di squadra, Juan Cuadrado. I due avrebbero infatti litigato dopo un contropiede malamente sprecato nel corso della sfida contro il Napoli.

Juventus, lite post-Napoli
Allegri ©LaPresse

LEGGI ANCHE >>> Juventus, Morata resta (per ora) | In Serie A e Premier i sostituti ideali

Anche in questo caso sarebbero volate parole forti, con il clima dunque che resta tesissimo. Una situazione di tensione che si è notata anche alla fine della gara, quando sostanzialmente tutta la squadra ha circondato l’arbitro Sozza per aver fischiato la fine e non aver lasciato battere il calcio d’angolo conquistato da Dybala. Alcuni giocatori inoltre sembrano accusare non poche difficoltà anche dal punto di vista mentale. Toccherà quindi ad Allegri cercare di stemperare il tutto e riportare la squadra in carreggiata, a partire dalla sfida di domani contro la Roma.