Capello show tra Juve e Inter: “Timore per Vlahovic” | Poi rimprovera Lukaku

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:20

Capello manda un messaggio a Juventus, Inter e non solo parlando delle ultime vicende di mercato che riguardano anche Vlahovic e Lukaku

In attesa che la Serie A ritorni in campo, Fabio Capello ha fatto il punto sulle ultime indiscrezioni di mercato. Severo il suo giudizio sulle recenti vicende che riguardano Lukaku, il quale ha ammesso di sentire la nostalgia dell’Inter: “Queste cose non mi piacciono. Mi sanno di parac*lismo!”.

Fabio Capello ©LaPresse

Capello ha analizzato anche le indiscrezioni sul nuovo bomber per la Juventus: “Scamacca? Ai bianconeri serve una punta e lui è un giovane di qualità. Ci avranno parlato, ma la maglia bianconera pesa – spiega a ‘La Gazzetta dello Sport’ – Vlahovic? Lui è già pronto. Ha l’energia e la cattiveria del campione. Temo che il prossimo anno potremmo vederlo in campionati più ricchi del nostro”.

LEGGI ANCHE >>> Vlahovic-Juventus, annuncio di calciomercato: “Ecco dove giocherà”

Calciomercato, da Lukaku a Vlahovic e Insigne: parla Capello

Lukaku Chelsea Tuchel Tottenham Inter Conte
Lukaku © LaPresse

Capello ha proseguito la sua analisi: “Rendimento in calo per Insigne? Vorrà dare ancora di più, anche perché è napoletano e ha stimoli importanti. Quando io ero al Real, a gennaio Beckham aveva già firmato per i Galaxy, ma fece una seconda parte di stagione fantastica”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juve, intrigo Morata-Barcellona: interviene Alemany

IL MILAN – “Cosa serve? Un difensore. Si è visto quanto sia costata l’assenza di Kjaer, quanti gol in più hanno preso. Gli allenatori hanno bisogno di un leader in campo, e il danese lo è, come ha dimostrato anche in nazionale. Comunque il Milan sta recuperando giocatori. Mi sembra in ripresa”.

NANDEZ – “Un giocatore in più aiuta a essere competitivi, ma i nerazzurri sono già i più forti, e io lo avevo detto da inizio stagione. Il motivo? Facile: perché avevano mantenuto la stessa difesa e lo stesso centrocampo, con in più Calhanoglu – spiega Capello – Inzaghi, poi, è stato bravissimo nel trasmettere le sue idee e farsi seguire dalla squadra”.