Milan, pentimento Donnarumma: che frecciata a Raiola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:07

In casa Milan arrivano le parole del legale Leandro Cantamessa, il quale ha parlato di Donnarumma e delle prospettive del club

Leandro Cantamessa, legale del Milan, ha analizzato il momento del club rossonero con uno sguardo anche al mercato. Chiaro il suo messaggio all’indirizzo di Gigio Donnarumma, approdato la scorsa estate al PSG.

Gianluigi Donnarumma ©LaPresse

Cantamessa ha spiegato in modo conciso: “Donnarumma? Non so se si è pentito ma non ci interessa perché adesso il presente è Maignan che non ha fatto rimpiangere l’ex portiere del Milan – spiega a ‘Radio Punto Nuovo’ nel corso di ‘Punto Nuovo Sport Show’ – Non so se il procuratore faccia l’interesse totale del calciatore: ho i miei dubbi, non so cosa faccia Raiola dal momento in cui non lo conosco perfettamente”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Milan e Inter ko. L’infortunio cambia tutto: vanno al Chelsea

Milan, Cantamessa parla di Donnarumma, Bennacer e Kessie

Kessie
Kessie © LaPresse

Cantamessa ha proseguito la sua analisi: “E’ un periodo divino per me tra il 26 e il 31, c’è un clima rilassato e c’è molto poco da fare. Milan sopra al Napoli? Tanto lo vincerà l’Inter lo scudetto. Napoli e Milan sono pieni di assenze. Possono avere anche una rosa molto ampia ma se mancano tre o quattro titolari a partita diventa difficile”.

LEGGI ANCHE >>> Milan, non solo Diallo: altra ipotesi per la difesa di Pioli

SALERNITANA – “Come possono la Lega e la Figc risolvere un caso come quello della Salernitana? Vorrei non rispondere, sono curioso di vedere come andrà a finire, nessuno si poteva aspettare che la situazione arrivasse fino a questo punto. La Salernitana sarà salvata solo per garantire un determinato sistema? Io spero che qualcuno faccia una proposta entro il 31 dicembre ma concludere il trasferimento in tre giorni è molto difficile”.

COPPA D’AFRICA – “Cosa sta facendo per fare in modo che Pioli possa avere Kessie e Bennacer? Sarebbe meglio che non partissero per la Coppa d’Africa però il lato bello è che se un giocatore viene convocato vuol dire che è di un certo valore”.