Coppa d’Africa, i convocati della Serie A: date e partite che perderanno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:55

Il 2022 inizierà con la Coppa d’Africa, con la maggior parte delle squadre destinate a perdere alcuni titolari impegnati nella competizione

Spalletti
Spalletti © LaPresse

Dopo gli Europei e la Copa America arriva il momento della Coppa d’Africa: tra gennaio e febbraio 2022 le squadre della Serie A verranno private di alcuni talenti e si ritroveranno a dover adattare le rispettive rose per un momento delicato della stagione. Un momento di transizione, che dal calciomercato invernale guiderà le big del nostro calcio verso gli impegni europei, tra Champions League ed Europa League. Il problema, però, coinvolge anche altre squadre che quest’anno stanno lottando per qualche obiettivo in più.

LEGGI ANCHE >>> Senegal, i convocati per la Coppa d’Africa: presente Koulibaly

Senegal, i convocati per la Coppa d'Africa
Koulibaly © LaPresse

Le big condizionate: Inter, Juventus e Atalanta sono salve

Partiamo dalle zone alte della classifica: il Napoli è la squadra che dovrà rispondere in maniera più presente alla Coppa d’Africa. Osimhen, dopo le prime incertezze degli ultimi giorni, alla fine ha risposto “presente” alla convocazione della sua nazionale: Koulibaly (Senegal), Zambo Anguissa (Camerum) e Ounas (Algeria) sono gli altri tre giocatori che saluteranno Spalletti per un mese intero. Non da meno i problemi del Milan, che perderà Bennacer (Algeria), Kessie (Costa d’Avorio) e Ballo Toure (Senegal), mentre Inter, Atalanta e Juventus non avranno di che preoccuparsi: nessun loro giocatore sarà convocato in Coppa d’Africa.

LEGGI ANCHE >>> Napoli a Milano senza Insigne | Osimhen punta la Juventus

Tiene banco, quindi, il big match che vedrà Napoli e Juventus contrapporsi alla ripresa del campionato: i partenopei, che hanno trovato in Anguissa un elemento fondamentale per la spina dorsale della squadra, dovranno rinunciare a due elementi titolari di indubbio valore. L’infortunio di Osimhen, invece, inizialmente sembrava potesse essere un’occasione per trattenere un attaccante che nelle ultime giornate è mancato a Spalletti, ma a questo punto la penuria offensiva aumenta.

Coppa d'Africa, parla Ciciliano del Cts
Osimhen e Anguissa © Getty Images

Metà classifica: le squadre che sacrificheranno i titolari

Andando leggermente più giù in classifica arriviamo alla Roma, che perderà Afena Gyan (Ghana), Darboe (Gambia) e Diawara (Guinea), mentre la Lazio dovrà rinunciare al solo Akpa Akpro (Costa d’Avorio). In casa Fiorentina si assenterà il solo Amrabat (Marocco), mentre il Bologna, fino a questo punto in grado di insidiare le posizioni della parte sinistra della classifica, perderà Barrow (Gambia) e Mbaye (Senegal). Se il Cagliari probabilmente a gennaio si separerà da Keita Balde (Senegal), la lotta per non retrocedere vedrà assentarsi Ebrima Colley (Gambia) dello Spezia e anche suo cugino Omar Colley (Gambia) della Sampdoria.

LEGGI ANCHE >>> Costa d’Avorio, i pre-convocati per la Coppa d’Africa: assenza a sorpresa

Chiudiamo con il Sassuolo, con Dionisi che dovrà rinunciare a Boga (Costa d’Avorio) e Traore (Costa d’Avorio), mentre è poco probabile che Obiang (Guinea Equatoriale) si possa aggregare alla sua Nazionale. Con Hongla (Camerun) del Verona si chiude la lista dei convocati, ai quali difficilmente si aggiungeranno Coulibaly (Mali) e Kechrida (Tunisia) della Salernitana, entrambi quasi sicuramente costretti a rimanere in Campania, a meno di clamorosi ribaltoni in casa granata entro la fine dell’anno.

Calciomercato Sassuolo Atalanta Boga
Jeremie Boga ©LaPresse

Coppa d’Africa, le date e gli impegni

I giocatori saranno impegnati sin da subito, con i ritiri che inizieranno nei primi giorni di gennaio: la fase a gironi entrerà nel pieno subito dopo l’Epifania, il 9 gennaio, per arrivare alla finale in calendario per il 6 febbraio, quando la Serie A sarà impegnata con la 24esima giornata. Saranno, quindi, cinque le giornate di campionato che i giocatori coinvolti perderanno, nel caso in cui dovessero arrivare fino in fondo. Alla peggio, invece, in caso di eliminazione ai gironi, i giocatori potranno tornare nelle rispettive squadre prima del 23 gennaio, in concomitanza per la 23esima giornata di campionato.