Milan-Napoli, Casarin scatenato sul gol di Kessie | Scoppia la polemica in diretta radio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:45

Paolo Casarin, ex arbitro, ha analizzato quanto accaduto ieri durante Milan-Napoli, gara della 18a giornata di Serie A

Paolo Casarin scatenato in diretta radio. L’ex arbitro si è espresso con parole forti e un tono acceso per descrivere il gol annullato ieri a Kessie durante Milan-Napoli.

Franck Kessie ©LaPresse

Chiaro il pensiero di Casarin: “Il gol era valido. Senza dubbi. E’ chiarissimo, non ci sono interpretazioni a meno che non nascano nuovi maghi – spiega a ‘Radio anch’io sport’ su ‘Rai Radio 1’ – Essere in posizione di fuorigioco non è di per sé una infrazione. Già facciamo casino. Essere in posizione di fuorigioco non è infrazione! Diventa infrazione quando chi è in fuorigioco partecipa con il gioco o contro l’avversario, cosa che è avvenuta per esempio a Bergamo“.

LEGGI ANCHE >>> Milan-Napoli, polemica VAR nel finale: che cosa è successo

Milan-Napoli, Casarin contro Massa sul gol annullato a Kessie

Davide Massa ©LaPresse

Casarin ha proseguito la sua disamina: “Quello di oggi non può essere messo nell’ambito dell’interferenza. E’ fuorigioco quando si impedisce la giocata dell’avversario o si contende il pallone. Giroud non ha fatto nulla di tutto questo. Tutto il resto è stato inventato e non c’entra nulla con questa situazione. Se la regola non basta ad evitare delle invenzioni, bisogna precisare subito che il giocatore per terra non è punibile a meno che non partecipi”.

LEGGI ANCHE >>> Milan-Napoli, scoppia la polemica Diaz-Calhanoglu: “Mossa geniale”

Dopo un intervento via messaggio di un ascoltatore anonimo, che faceva presente l’influenza di Giroud sulla giocata di Juan Jesus, Casarin ha incalzato la sua polemica: “Giroud era sotto, era un materasso di Juan Jesus. Quelli che non si firmano non contano nulla!”. Il conduttore ha poi richiamato tutti a mantenere la calma. L’ascoltatore successivamente ha provveduto a identificarsi tramite un altro messaggio.

L’acceso Casarin ha espresso il suo punto di vista sul Var: “Massa sa le regole più del Var, si saranno parlati e detti cose che non so. Quello di rendere pubbliche le conversazioni mi pare che avverrà. Il fuorigioco è una regola fondamentale, se si conosce perfettamente quello di ieri non doveva suscitare nessun problema. Altrimenti iniziamo a fare le regole inventate. Questa è una pura invenzione. Definirei questo fuorigioco un fuorigioco da coccodrillo”.