Juventus e il ‘caso’ Suarez | UFFICIALE: arriva l’archiviazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:53

Nessuna sanzione per la Juventus che vede per ora archiviato il caso Suarez: è infatti arrivata la decisione ufficiale da parte della procura federale 

È arrivata ufficialmente la conferma della Figc sull’archiviazione del procedimento aperto dalla giustizia sportiva in merito al caso dell’esame ‘farsa’ di lingua italiana, sostenuto dal calciatore uruguaiano Luis Suarez in quel di Perugia allo scopo di ottenere la cittadinanza.

 UFFICIALE: la FIGC archivia l'inchiesta sul caso Suarez
Suarez © LaPresse

Il tutto accadde nelle settimane in cui era paventato il suo possibile approdo a Torino per vestire la maglia della Juventus. Alla fine il centravanti sudamericano ha poi vestito la maglia dell‘Atletico Madrid, con la quale ha anche vinto la scorsa Liga ed affronterà il Manchester United nel prossimo turno di Champions League.

Nelle scorse ore è arrivata quindi a tal proposito l’archiviazione legata a questa fase, come evidenziato dalla nota diramata dalla FIGC.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, summit con Raiola: tutti i nomi sul tavolo

Juventus, UFFICIALE: archiviata allo stato degli atti l’inchiesta sull’esame di italiano di Suarez

 UFFICIALE: la FIGC archivia l'inchiesta sul caso Suarez
Suarez © LaPresse

La conferma ufficiale del tutto è arrivata tramite la seguente nota pubblicata sul sito della Federazione: “La Procura Federale, su conforme parere della Procura Generale dello Sport, ha disposto nei giorni scorsi l’archiviazione “allo stato degli atti” del procedimento relativo all’indagine della Procura della Repubblica di Perugia sull’esame del calciatore Suarez volto ad ottenere la cittadinanza italiana, in attesa della trasmissione di eventuali ulteriori atti di indagine e/o processuali dalla competente Autorità Giudiziaria“.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, allarme per Allegri: “Giocatori poco umili, 10% di chances in Champions”

Il comunicato si conclude: “Dalla documentazione ricevuta dalla Procura della Repubblica di Perugia, infatti, non sono emersi elementi sufficienti per ritenere provate condotte illecite rilevanti nell’ambito dell’ordinamento federale sportivo di dirigenti o comunque tesserati, unici soggetti sottoposti alla Giustizia Sportiva ai sensi del vigente C.G.S”.