Calciomercato Milan, arriva l’annuncio: “È pronto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:49

In casa Milan arriva l’annuncio di calciomercato sul possibile ritorno in difesa; parla Paolo Zanetti

Felice per il momento del suo Venezia, Paolo Zanetti ha parlato tra campo e mercato. Il tecnico ha analizzato innanzitutto la sfida di sabato contro la Juventus: “Per noi è stata una partita difficile come spesso quando incontriamo questo tipo di squadre – spiega a ‘Radio anch’io sport’ su ‘Rai Radio1’ – Siamo stati bravi a rimanere in partita e a portare a casa questo punto. Non è la miglior Juve degli ultimi anni”.

Paolo Zanetti ©LaPresse

Zanetti ha parlato anche del possibile ritorno di Caldara al Milan: “Diciamo che arriva da un percorso difficile. La maturità tecnica ce l’ha, ma ha avuto due anni di stop per un infortunio grave. Noi ci abbiamo creduto. Io sono andato a casa sua col direttore per prelevarlo e farlo ripartire. Sta giocando bene perché è un giocatore forte. Non si arriva al Milan se non sei forte, lui lo è. Preferirei non perderlo, ma è normale che essendo di proprietà del Milan possano avere attenzioni su di lui”.

LEGGI ANCHE >>> Milan-Napoli, infortunio allarmante | Big match a rischio

Venezia, l’analisi di Zanetti sulla lotta scudetto

Zanetti
Paolo Zanetti ©LaPresse

Zanetti ha proseguito la sua analisi: “Piccoli con le piccole? E’ un aspetto mentale sul quale dobbiamo lavorare tanto. Sicuramente con le piccole dobbiamo vincere a tutti i costi. Avendo diversi giovani, probabilmente è un fatto psicologico. Le squadre le abbiamo incontrate tutte, ma il calendario ti mette di fronte alcuni momenti di grande difficoltà”.

LEGGI ANCHE >>> VIDEO CM.IT | Milan, Brahim Diaz in crisi: nuovo trequartista per Pioli

LOTTA SCUDETTO – “A parte i risultati conta molto la nostra prestazione. Onestamente credo che l’Inter stia dimostrando qualcosa in più. Contro di noi, nonostante avessimo fatto una prestazione straordinaria, si è vista una unione di tecnica e fisicità davvero impressionante. Credo che l’Inter in questo momento sia la squadra più forte”.