Genoa-Roma, Mourinho si sfoga: “Lavoro buttato nella spazzatura”. E attacca i giornalisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:39

Conferenza stampa di Mourinho alla vigilia di Genoa-Roma, il tecnico portoghese molto risentito per gli ultimi sviluppi va all’attacco

La Roma in campo a Genova, domani sera, per provare a ripartire, ma la sfida non inizia sotto i migliori auspici per i giallorossi. Mourinho perde infatti Cristante e Villar per Covid e dovrà infatti provvedere a scelte di emergenza.

Mourinho
Josè Mourinho (screen shot)

Il tecnico giallorosso ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dello scontro con il Genoa. Sui rossoblù di Shevchenko: “Ha fatto la storia come giocatore, c’è poco da dire. E come allenatore ha dimostrato con l’Ucraina di avere idee e filosofia, ha una leadership, magari tranquilla e silenziosa perché è quello il suo carattere. E’ all’esordio in una panchina di club. Gli auguro tanti successi, ma come è capitato a me: perdendo la prima partita, e poi vincendo tutto”.

Genoa-Roma, Mourinho corre ai ripari: l’anticipazione su Zaniolo

Zaniolo
Josè Mourinho © LaPresse

Sull’assenza di Cristante, duro sfogo: “Tutto il lavoro fatto in settimana finisce nella spazzatura, abbiamo perso tutto quello che avevamo provato. Abbiamo tanti problemi e tre terzini sinistri tutti fuori, dobbiamo cercare delle soluzioni. E’ un momento difficile, qualcuno dovrà giocare in una posizione che non è la sua, dovremo trovare il giusto puzzle per tornare a fare punti”. I problemi di formazione del resto ripropongono le voci di mercato, con la Roma che come raccontato da Calciomercato.it segue Dalot, Zakaria e altri profili.

Non manca una stoccata ai giornalisti: “Ora è una buona occasione per capire chi di voi è bravo. Le vostre fonti sono a secco, soltanto io so chi giocherà domani, non lo sanno neanche i miei collaboratori. Oggi in allenamento, visto quello che è successo, non abbiamo fatto molto riferimento alla partita. Per voi sarà divertente cercare di capire come scenderemo in campo”.

LEGGI ANCHE >>> Roma, Zaniolo a rischio esclusione | La sentenza: “È una follia”

Sulla posizione di Zaniolo in seguito al problema di Cristante: “Non lo vedo in posizione da numero 6. Siete voi che avete ipotizzato la difesa a tre, ma non ho mai detto se giocheremo a tre o a quattro. Ma Nicolò non subirà l’assenza di Cristante, non vedo che connessione ci sia tra le due cose”.

Sulle difficoltà della partita, l’allenatore lusitano è chiaro: “C’è il problema delle tante assenze. Abbiamo tre terzini assenti e anche come difensori e centrali siamo in difficoltà. Anche se Smalling potrebbe rientrare domani. In più c’è l’incognita di giocare con una squadra con un nuovo allenatore. L’ambiente sarà caldo e spingerà molto, con uno stadio bellissimo, ma è quello che ci piace. Non cambieremo la nostra idea di voler entrare in campo da subito per vincere la partita”.