Calciomercato Milan, rinforzo scudetto: prestito subito e gratis a giugno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58

Milan, occasione a zero dall’Inghilterra: può partire a gennaio in prestito e liberarsi gratis in estate

Tra campionato e coppe in stagione ha giocato soltanto 154 minuti. Un bottino misero per Jesse Lingard, giocatore che nella seconda parte della scorsa stagione è stato fondamentale per il West Ham, che è riuscito a conquistare la qualificazione in Europa League. Con la maglia degli ‘Hammers’ il classe 1992 era riuscito anche a riconquistare la nazionale inglese.

Maldini e Massara © Getty Images

LEGGI ANCHE >>> Atletico Madrid-Milan, nuovo ‘problema’ per Pioli: è UFFICIALE

Dopo i 9 gol in 16 gare con i londinesi, il Manchester United aveva deciso di riconfermarlo e tenerlo in rosa, ma fino ad ora Solskajer gli ha garantito uno scarsissimo minutaggio. Ecco quindi che Lingard, complice anche un Mondiale che si avvicina, sarebbe pronto a cambiare aria per trovare un club che sia disposto a dargli più spazio. E in questo senso l’interesse non manca, sia in Inghilterra che all’estero.

Calciomercato Milan, occasione Lingard

Il giocatore ha rifiutato fino ad ora le proposte di rinnovo del Manchester United, complice proprio la volontà di trovare un club che possa concedergli un minutaggio più alto. Come riferisce ‘Espn’, Lingard sarebbe pronto a chiedere una cessione in prestito a gennaio, fino ad arrivare poi alla scadenza contrattuale e lasciare a zero i ‘Red Devils’. Sulle tracce del classe 1992 ci sarebbero diversi club di Premier League come Everton, West Ham, Tottenham e Newcastle, ma anche alcuni top club esteri.

LEGGI ANCHE >>> Il nuovo Newcastle sulla strada di Milan e Juventus: parte l’assalto

Jesse Lingard © Getty Images

In particolare le due società più interessate fuori dai confini britannici sarebbero Barcellona e Milan. Per i rossoneri l’inglese sarebbe un affare dal costo minimo e un tassello importante in grado di ricoprire ciascuno dei tre ruoli alle spalle della punta nel 4-2-3-1 di Stefano Pioli. La dirigenza rossonera potrebbe infatti tenere conto della duttilità e della voglia di rilancio del giocatore, oltre al fatto, appunto, della possibilità di un esborso minimo.