Caos Dazn, l’annuncio: “Pratica commerciale scorretta. Ora si ricreda”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:15

Il destino e le scelte operate da Dazn continuano a far discutere non poco. Dichiarazioni pesanti nei confronti della piattaforma di streaming

Dazn, ancora una volta, nell’occhio del ciclone. E in questo caso, non per qualche disservizio o difetto della piattaforma, ma per una scelta che sta facendo discutere e non poco a livello nazionale.

Caos Dazn, l'annuncio: "Pratica commerciale scorretta. Ora si ricreda"
Dazn © LaPresse

La notizia del giorno è, infatti, la decisione di eliminare la possibilità di utilizzare lo stesso abbonamento per due device diversi, a distanza. Scelta che metterebbe in seria difficoltà un gran numero di utenti, a stagione in corso, e sicuramente ne stravolgerebbe i piani. Nelle ultime ore, proprio a tal proposito, vi abbiamo riportato l’esposto del Codacons per tentare di bloccare questo scenario. Intanto, l’azienda non commenta il caso esploso nelle ultime ore e non ha intenzione di intervenire sulla vicenda. Dal sito ufficiale, inoltre, è sparita la dicitura “Dazn si sdoppia con un solo abbonamento”, chiaro segnale di quale piega stia prendendo la situazione.  A Radio Punto Nuovo nel corso di Punto Nuovo Sport Show è intervenuto Gianluca Di Ascenzo, avvocato del Codacons: “Speriamo ancora in una smentita, ma si configura una pratica commerciale scorretta. Si tratta di un esercizio illegittimo di quello che lo ius variandi, si va raddoppiare il prezzo dell’abbonamento”.

LEGGI ANCHE >>> Tra aumenti e disservizi, Dazn continua a dividere e ci rimettono sempre i tifosi

Caso Dazn, Codacons pronto ad arrivare all’autorità giudiziaria

Caos Dazn, l'annuncio: "Pratica commerciale scorretta. Ora si ricreda"
Dazn © LaPresse

Di Ascenzo non ha dubbi ed espone la sua tesi: “Il cliente che ha sottoscritto l’abbonamento con Dazn lo ha fatto anche per poter vedere un evento su due dispositivi e stiamo segnalando tutto questo al garante delle comunicazioni e dal garante della concorrenza e del mercato per valutare i profili di illegittimità“. Poi ammette: “Speriamo che tutte le polemiche che la società sta montando, speriamo che la stessa si ricreda. È così che si alimenta la pirateria, non la si combatte”.

Un annuncio finale per alimentare la battaglia contro Dazn: “Speriamo che le autorità, visto il valore sociale del calcio e cosa rappresenta per molti consumatori, si muovano il prima possibile. Altrimenti, siamo disposti ad arrivare fino all’autorità giudiziaria“.