CMIT TV | Conte al Tottenham, arriva la stoccata: “Poteva pensarci meglio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:40

Alla CMIT TV si commenta il passaggio di Antonio Conte al Tottenham: la critica all’ex allenatore dell’Inter

Giorni caldi di calcio e mercato, con gli impegni di Champions e non solo e con l’approdo di Antonio Conte al Tottenham. Sulla nuova avventura del tecnico pugliese, ecco le dichiarazioni alla CMIT TV di Fabrizio Biasin.

Biasin CMIT TV
Fabrizio Biasin alla CMIT TV su Twitch

“Da parte di Conte è stata una scelta legittima e professionale, va in un posto dove può dimostrare di essere più bravo di chi era lì prima di lui – ha spiegato – Vincere, è un altro discorso e ce ne passa. Stavolta dovrà veramente dimostrare di essere un fenomeno. Si è dimostrato comunque coerente nella sua volontà di scegliere una squadra non già vincente”.

Arriva tuttavia la critica all’operato dell’allenatore pugliese: “Considerate le modalità con cui ha lasciato l’Inter, poteva rifletterci un po’ di più e fare un altro percorso. Probabilmente non voleva mettere in discussione l’operato della scorsa stagione e temeva di non essere all’altezza. Ma non si dica che l’Inter attuale non è competitiva. Ci sta che stesse aspettando la chiamata del Real Madrid, era nel roster insieme ad Allegri, ma si è trovato spiazzato dalla scelta di Ancelotti. Ora infatti sceglie di salire in corsa, a metà stagione, è una cosa che non ha mai fatto, evidentemente gli manca il campo. Oltre a essere una questione di soldi. Manchester United? Non lo avrei visto benissimo insieme a Cristiano Ronaldo. Al Tottenham ha più materiale a disposizione per le sue idee rispetto a quello che avrebbe trovato ai ‘Red Devils'”.

LEGGI ANCHE >>> Milan-Porto e Sheriff-Inter tra formazioni, mercato e diretta tv

Biasin: “Conte spiazzato dal Real Madrid, all’Inter temeva di non essere all’altezza”

Conte
Antonio Conte © LaPresse

Sugli scenari di mercato degli ‘Spurs’ in chiave Serie A, legati all’Inter e non solo: “I giocatori dell’Inter tutti nel mirino di Conte? E’ la riprova che sono molto forti. Io non credo possano permettersi di fare spese pazze in giro per il mondo, visti i debiti accumulati. Faranno mercato, ma dovranno limitarsi, ricorreranno anche a qualche parametro zero. Kessie? Pioli non vuole perderlo, pensare di venderlo a gennaio per monetizzare un minimo potrebbe essere una scelta da rimpiangere”

LEGGI ANCHE >>> Conte e il rifiuto estivo al Tottenham:”Colpa dell’Inter”. Primo super colpo

Infine, sullo scambio Eriksen-Onana: “Al momento mi sembra prematuro, è un’idea che per adesso appare buttata lì, ma non è nemmeno da escludere totalmente. Non ci sarebbe comunque grande resistenza né dall’Inter, né dall’Ajax. Se effettivamente dovesse concretizzarsi l’addio del danese per l’impossibilità di giocare in Italia, allora è una pista che potrebbe trovare sfogo. Ma non cambierebbe gli equilibri da qui a fine stagione, il titolare rimarrebbe Handanovic. Di certo, la sola notizia di vedere Eriksen tornare in campo riempie di gioia”.