Conte e il rifiuto estivo al Tottenham: “Colpa dell’Inter”. Primo super colpo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:25

Prima intervista da manager del Tottenham per Antonio Conte, che è riuscito già nella prima impresa: per gli Spurs è il colpo più importante

Da poche ore Antonio Conte è il nuovo manager del Tottenham. Dopo l’esonero di Espirito Santo, Fabio Paratici è tornato con prepotenza sull’allenatore salentino, scudettato con l’Inter e attualmente sotto contratto come opinionista per Sky Sport. L’ex ct della Nazionale in estate aveva detto no agli Spurs, che poi hanno virato appunto sull’allora manager del Wolverhampton.

antonio conte tottenham kane
Antonio Conte © Getty Images

Stavolta il corteggiamento di Fabio Paratici ha avuto successo e l’ex Inter avrà la missione di risollevare il Tottenham portandolo ai massimi livelli. Conte ha rilasciato la sua prima intervista ai canali ufficiali degli Spurs: “È un grande piacere e onore essere l’allenatore del Tottenham, ora voglio ripagare questa fiducia. La mia filosofia è semplice, giocare un buon calcio, che sia interessante e piacevole per i nostri tifosi che sono passionali. Vorrei una squadra stabile, che non abbia alti e bassi. I tifosi meritano di avere una squadra competitiva, e farò di tutto per meritare io il loro supporto”.

Conte: “In estate no al Tottenham, ecco perché”. E trattiene Kane

Conte
Antonio Conte © LaPresse

Sulle esperienze in Italia: “È il passato, io vivo nel presente. Con la Juve ho giocato 13 anni, ho vinto tutto, poi ho vinto nove titoli da allenatore, il che significa aver dominato. Con l’Inter abbiamo avuto il secondo miglior attacco e la miglior difesa. Quello che ho fatto negli altri club è importante, sono orgoglioso che la nuova avventura sia qui. Voglio che il Tottenham diventi una parte importante della mia carriera”. Sul no in estate: “C’è stata una chiamata del Tottenham, ma sono stato molto chiaro. Avevo appena finito con l’Inter dopo due stagioni difficili e dure. Non era il momento giusto per cominciare un’altra esperienza, ho preferito aspettare, godermi la mia famiglia. Anche perché a livello emotivo ero ancora coinvolto nell’esperienza con l’Inter. Il presidente Levy mi ha voluto fortemente, è una grande opportunità per me”.

Ma soprattutto per Antonio Conte sarebbe già arrivato il primo grande colpo. Ovvero la volontà di Harry Kane di non chiedere più la cessione e restare al Tottenham. A riportarlo è il ‘The Sun’, che sottolinea come il centravanti inglese fosse rimasto in estate non proprio contentissimo, per il mancato trasferimento al Manchester City. Rifiuto l’opzione Chelsea, accerrimi nemici degli Spurs, Kane ha sempre detto che – se il Tottenham dovesse competere ad altissimi livelli e per vincere dei titoli importanti – rimarrebbe molto volentieri. E l’arrivo di Conte è un segnale importante anche per il centravanti vicecampione d’Europa, che quindi ora sarebbe già più convinto dal nuovo progetto.