Tottenham, ecco Conte: “Il motivo per cui non sono arrivato in estate”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:59

Antonio Conte è il nuovo allenatore del Tottenham. Il comunicato ufficiale è arrivato stamattina così come le prime parole dell’allenatore ex Inter 

Si è chiusa oggi la telenovela relativa alla panchina del Tottenham. Il club londinese ha infatti ufficializzato l’arrivo di Antonio Conte dopo l’esoneri di Nuno Espirito Santo arrivato invece nella mattinata di ieri. Il tecnico salentino ritrova una panchina importante dopo aver condotto l’Inter allo scudetto lo scorso anno.

Antonio Conte: "Ecco perchè non sono arrivato in estate"
Antonio Conte ©️ LaPresse

Conte è quindi chiamato a provare a risollevare la situazione attuale degli ‘Spurs’ che hanno iniziato sotto ritmo l’attuale annata, ritrovandosi già distanziati dalle posizioni di testa in Premier League.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, gli ottavi di Champions per finanziare Vlahovic: le cifre

Tottenham, ecco Conte: le prime parole da allenatore Spurs

Antonio Conte ©️ LaPresse

Lo stesso Conte ha parlato quindi ai canali ufficiali del Tottenham come evidenziato dal sito del club: “Sono felice di tornare ad allenare e di farlo in un club che ha l’ambizione di essere di nuovo protagonista. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare per trasmettere a squadra e tifosi la passione, la mentalità e la determinazione che mi hanno sempre contraddistinto”.

LEGGI ANCHE >>> UFFICIALE: Antonio Conte è il nuovo allenatore del Tottenham

Conte ha quindi spiegato le motivazioni del mancato arrivo estivo: “L’estate scorsa la nostra unione non è avvenuta perché la fine del mio rapporto con l’Inter era ancora troppo recente ed ero ancora emotivamente troppo coinvolto dopo quel finale di stagione, quindi ho sentito che non era ancora il momento giusto per tornare ad allenare. Ma l’entusiasmo contagioso e la determinazione di Daniel Levy nel volermi affidare questo incarico avevano già colto nel segno. Ora che l’occasione è tornata, ho scelto di coglierla con grande convinzione”.