Attacco a Conte: “Ha disintegrato l’Inter. E tra sei mesi sarà in scadenza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:17

Oggi è diventato ufficiale l’ingaggio da parte del Tottenham di Antonio Conte. Ma il suo addio all’Inter fa ancora molto discutere

Antonio Conte è ufficialmente il nuovo manager del Tottenham di Daniel Levy e Fabio Paratici. L’allenatore italiano sostituisce l’esonerato Nuno Espirito Santo, sollevato dall’incarico dopo la pesante sconfitta patita contro il Manchester United di Cristiano Ronaldo nell’ultimo turno di Premier League.

Attacco a Conte: "Ha disintegrato l'Inter. E tra sei mesi sarà in scadenza"
Conte, nuovo manager del Tottenham ©️ LaPresse

Dopo tre anni e mezzo dall’ultima esperienza in Inghilterra col Chelsea, con il biennio all’Inter e il diciannovesimo Scudetto messo in bacheca, Conte torna in panchina dopo appena cinque mesi dall’addio al club nerazzurro, dettato dai ridimensionati programmi della società di Suning a causa della delicata situazione economica. Un ritorno che sta facendo discutere non poco.

LEGGI ANCHE>>>Tottenham, ecco Conte: “Il motivo per cui non sono arrivato in estate”

Attacco a Conte: "Ha disintegrato l'Inter. E tra sei mesi sarà in scadenza"
Conte durante l’esperienza all’Inter ©️ LaPresse

“Conte ha disintegrato l’Inter, in Serie A non lo vuole nessuno”

Sulla questione è intervenuto in gamba decisamente tesa il direttore di ‘Telelombardia’, Fabio Ravezzani, ai microfoni di ‘Top Calcio 24’. “Conte è andato via dopo aver disintegrato l’ambiente Inter, come già successo alla Juventus. Gioca sempre la partita contro la società e spacca l’ambiente. È rimasto un altro anno dopo la famosa Villa Bellini, poi ha vinto lo Scudetto e se ne è andato lasciandoli in braghe di tela e facendosi dare 7 milioni di buonuscita da dimissionario. Dopo averci spiegato che la squadra non era all’altezza, firma per il Tottenham, che è una squadra enormemente inferiore all’Inter, per diciotto mesi. E tra sei mesi sarà già in scadenza di contratto: vi sembra una cosa seria? A me no. In Italia non lo prende più nessuno, la Juventus non lo vuole vedere neanche dipinto”. Giudizi decisamente tranchant che non lasciano spazio ad interpretazioni.