Insulti razzisti a Maignan in Juventus-Milan | Si lavora per trovare il colpevole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:33

Juventus-Milan ha lasciato strascichi importanti in casa bianconera, con l’ennesimo mezzo passo falso di questo avvio di stagione. Purtroppo a margine della partita è stato registrato anche un insulto razzista nei confronti di Maignan. La Juve è al lavoro per trovare il colpevole 

Maignan Juventus-Milan bersagliato: bianconeri al lavoro per trovare il colpevole
Maignan Juventus-Milan ©️Getty Images

Ancora un caso di razzismo in Serie A. È accaduto purtroppo a margine di Juventus-Milan, nel corso del pre-partita del big match di domenica sera della quarta giornata di campionato. Sul web infatti circola un video in cui un tifoso apostrofa il portiere rossonero, Mike Maignan, con un pesante insulto a stampo razzista con annesse espressioni molto colorite. Il portiere francese è dunque rimasto vittima di un atteggiamento ingiustificabile che la stessa Juventus si sta impegnando per punire. Maignan dal canto suo non ha fatto una piega continuando concentrato a svolgere il riscaldamento. Per seguire e interagire in DIRETTA sulle ultime di Calciomercato ISCRIVITI al canale YouTube

LEGGI ANCHE >>> Furia Allegri in casa Juventus, decisione presa su Chiesa!

LEGGI ANCHE >>> Pirlo può tornare in grande stile, è il preferito del presidente

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

La stessa società bianconera, padrona di casa in quella serata, ha fatto già scattare da ieri i controlli utilizzando le telecamere di sorveglianza dello stadio nel tentativo individuare la persona che si è resa protagonista del brutto gesto, per poi prendere provvedimenti nel modo adeguato. Il club piemontese sta utilizzando tutte le telecamere a circuito chiuso dell’impianto, spalti e anche esterno. La Juve ha un sistema di video sorveglianza all’avanguardia che viene implementato di anni in anno, anche se non sarà comunque semplice identificarlo vista la vasta presenza di tifosi, ma la lotta al razzismo non conosce tregua.